Nicolás Maduro sulla nuova legge antiblocco del Venezuela

Discorso del Presidente Nicolas Maduro all’Assemblea Nazionale Costituente, 29 settembre 2020; Adottato l’8 ottobre 2020

INTRODUZIONE

Mi presento oggi di fronte a questa Assemblea Nazionale Costituente molto sovrana e plenaria, espressione del potere costituente originario, che ho convocato tre anni fa per difendere e garantire miracolosamente la pace del nostro popolo, per presentare al Paese e al nostro popolo una proposta per il momento storico che il Venezuela sta vivendo, seriamente minacciato dalle potenze imperiali e vittima di un blocco criminale.
Vengo oggi a chiedere al Potere Costituzionale di discutere un progetto di legge costituzionale che fornisca allo Stato venezuelano le capacità istituzionali e legali e gli strumenti di gestione per affrontare e superare la più perversa, diffusa e brutale aggressione che la nostra Patria ha subito in 200 anni di vita repubblicana.

LO SFONDO DEL BLOCCO: IL CAMBIO DI REGIME

Da quando il popolo venezuelano ha eletto il 6 dicembre 1998 il comandante Hugo Chávez presidente della Repubblica, l’impero americano ha definito una dottrina strategica, un piano che da allora ha dominato le relazioni tra gli Stati Uniti e il Venezuela: la dottrina del cambiamento di regime.

Questa ideologia afferma che gli Stati Uniti non permetteranno il consolidamento in Venezuela di un progetto politico e di una democrazia governata dai principi di indipendenza, autodeterminazione, sovranità e uguaglianza tra gli Stati.

L’impero americano non tollera l’esistenza in Venezuela di uno Stato sociale di diritto e giustizia, una democrazia popolare, partecipativa e leader, il cui centro è la ricerca dell’uguaglianza, del benessere collettivo e della felicità sociale.

La dottrina del cambiamento di regime stabilisce che gli Stati Uniti faranno tutto ciò che è in loro potere per impedire che il Venezuela costruisca pacificamente e democraticamente il proprio cammino verso lo sviluppo, la giustizia sociale e il benessere: il cammino verso il socialismo.

In oltre due decenni, questa dottrina egemonica è stata applicata e portata avanti da tre presidenti americani: George Bush, Barack Obama e Donald Trump.

Il cambio di regime propone che per sostituire il progetto bolivariano gli Stati Uniti applichino nelle loro relazioni con il Venezuela tutte le opzioni disponibili, “tutte le opzioni sul tavolo”, come ama dire Donald Trump.

Rovesciare il governo legittimo del Venezuela, distruggere il nostro modello democratico, annientare le forze politiche e sociali che guidano il processo rivoluzionario e prendere il controllo del paese. Questo è, in breve, il piano che guida la condotta dell’impero verso il Venezuela.

Si tratta di un’ideologia anacronistica e reazionaria, che fa rivivere i tempi più oscuri della Dottrina Monroe e ha due obiettivi principali:

In primo luogo, disciplinare politicamente i popoli del continente, sradicando il pericoloso esempio della Rivoluzione Bolivariana, e garantire il controllo del “cortile”, come viene chiamato in modo dispregiativo alla Casa Bianca l’America Latina e i Caraibi.

L’élite statunitense crede che liquidando il progetto bolivariano invierà un messaggio a tutti i popoli del continente: che nessuno deve osare proporre un modello democratico e popolare, perché sarà messo nel mirino dell’impero e non avrà – come i lignaggi condannati a cento anni di solitudine da García Márquez – una seconda possibilità sulla terra.

La realizzazione di questa ambizione superata, ripresa nel XXI secolo dal suprematismo e dall’estremismo incarnato da Donald Trump, si può vedere nel rinnovato blocco contro Cuba; nella vile aggressione contro i sandinisti nicaraguensi, nei colpi di stato contro Evo Morales, Dilma Rouseff, Fernando Lugo, Mel Zelaya, e nel tradimento in Ecuador del progetto della Rivoluzione dei cittadini.

È la stessa dottrina che usa i governi delle nazioni sorelle come marionette, li strumentalizza e – con totale disprezzo per i loro popoli – usa i loro territori come piattaforma di aggressione contro il Venezuela.

I due esempi più chiari di questa perversione politica estremista e criminale sono, per la vergogna dell’America Latina, la Colombia di Ivan Duque e il Brasile di Jair Bolsonaro.

Il secondo grande obiettivo di questa crociata contro il Venezuela ha a che fare, ovviamente, con l’economia.

Aggredire il potere politico in Venezuela e cambiare il modello politico ha come obiettivo finale il saccheggio del nostro Paese.

L’obiettivo finale è quello di assumere il controllo assoluto delle immense risorse e della ricchezza del nostro Paese, risorse che sono proprietà esclusiva e inalienabile del popolo venezuelano, e una leva per il nostro sviluppo. Per farlo, l’impero deve distruggere lo Stato, raderlo al suolo e “ridisegnarlo” sotto l’atroce formula del neoliberalismo e del neocolonialismo.

Questo è ciò che il falco imperiale cerca in Venezuela: appropriarsi dei nostri idrocarburi, dei nostri minerali, delle nostre immense estensioni territoriali, dei giganteschi bacini idrici e della biodiversità con cui la natura ha benedetto il nostro Paese.

Il piano di Washington e dei suoi operatori interni è quello di mettere le mani sul patrimonio materiale e spirituale del popolo venezuelano e di metterlo al servizio degli interessi aziendali e geostrategici del decadente impero americano.

Questo piano, che cerca di ridurci allo status di vassalli, di cagnolini, di una nuova colonia, è quello che stiamo affrontando dal 1999.

Questo progetto di distruzione del nostro Stato, che cerca di installare un governo satellite per il franchising del Paese e consegnarlo ai poteri di fatto globali, questo progetto di anti-patriottismo, è ciò che la Rivoluzione Bolivariana – con Chávez e me alla guida oggi – ha affrontato per 20 anni.

LA GUERRA DEL CAMBIO DI REGIME

La strategia dell’impero viene eseguita attraverso la guerra. Una guerra non dichiarata, invisibile, che non vediamo, ma di cui sentiamo gli effetti ogni giorno nella nostra vita, nel lavoro, nella famiglia, negli affetti e nella coscienza.

La guerra per il cambio di regime è una guerra multiforme, e come tutte le guerre è crudele, disumana e criminale.

Dietro la retorica ipocrita, il discorso cinico che esalta la democrazia e le preoccupazioni umanitarie, si cela l’ambizione più abietta.

Gli Stati Uniti non vogliono la democrazia o le elezioni in Venezuela. Per sottometterci, sta attuando un attacco volto a distruggere la nostra economia, a rasare le basi materiali che sostengono la vita del nostro popolo.

IL BLOCCO E I SUOI IMPATTI ECONOMICI E SOCIALI

Il blocco economico, finanziario e commerciale che si sta attuando contro il nostro Paese dal 2015 è la materializzazione in campo economico di questa politica di guerra.

Il suo obiettivo è quello di assediare, annegare, soffocare l’economia venezuelana fino a farla implodere e generare una crisi interna che giustifichi un intervento esterno e un cambio di regime in Venezuela.

Il blocco, eseguito attraverso la cosiddetta politica delle sanzioni, che il discorso clinico della destra venezuelana nega, non è un semplice elenco di persone a cui revocare il visto, come ipocritamente affermato dai media della disinformazione imperialista.

La guerra è totale, e si estende sul nostro modo di vivere, sul nostro modo di lavorare, di produrre, di consumare. Il blocco è, come direbbe Von Clausewitz, la continuazione della guerra con altri mezzi, in questo caso con mezzi economici.

L’asfissia, si potrebbe dire, è stata la prima fase. In cinque anni, il blocco è riuscito a tagliare i finanziamenti del Paese, impedendo allo Stato di avere la valuta estera, l’ossigeno di cui ha bisogno per acquistare cibo, medicinali, input, pezzi di ricambio e materie prime essenziali per l’attività economica.

Il corto circuito economico, finanziario e commerciale indotto dal blocco ci impedisce di ottenere le risorse per rafforzare i salari e i benefici dei lavoratori, per nutrirci, per salvare vite umane, per educare i nostri figli, per sostenere il sistema di protezione sociale della popolazione.

Tra il 2014 e il 2019, il Venezuela ha registrato il più forte calo dei ricavi esterni della sua storia. In sei anni abbiamo perso il 99% dei nostri guadagni in valuta estera.

In altre parole: Per ogni 100 dollari o euro che il Paese ha guadagnato dalle vendite di petrolio nel 2014, ora ne guadagna meno di 1.

Quel crollo senza precedenti, senza dubbio un terremoto nelle fondamenta stesse della nostra economia, ha avuto come causa iniziale la guerra dichiarata contro i prezzi del petrolio, progettata dall’imperialismo e dalle multinazionali dell’energia per attaccare i paesi produttori.

In seguito, quando i prezzi hanno iniziato una relativa ripresa, ottenuta grazie alla volontà politica dei paesi produttori all’interno e all’esterno dell’OPEC, si è passati alla fase due: il crollo, il blocco totale dell’economia.

Il calo del reddito estero del Venezuela accelera a partire dal 2015 quando inizia la persecuzione finanziaria contro il PDVSA, culminata nel 2019 con il furto del CITGO, la più grande operazione di saccheggio della storia recente contro qualsiasi nazione del mondo.

Dal 2015 in poi, il tasso di diminuzione del reddito estero del Venezuela è pari a 30 miliardi di dollari all’anno. Questa figura sfida l’immaginazione. È impossibile immaginare l’entità della pressione che è stata applicata alla nostra economia e le sofferenze che il nostro popolo ha subito.

Vi invito a fare un esercizio di scenario: cercate qualsiasi paese, non intendo un paese sottosviluppato o povero, cercate qualsiasi economia sviluppata nel mondo, e chiedete ai vostri economisti cosa succederebbe se quell’economia smettesse di ricevere 30 miliardi di dollari ogni anno per cinque anni?

Che tipo di crisi attraverserebbe un’economia mondiale sviluppata se ciò accadesse, cosa accadrebbe alla sua popolazione, ai suoi bambini, ai suoi anziani, alle sue donne?

Il brusco calo del reddito esterno, ha deteriorato profondamente gli equilibri macroeconomici, incidendo pesantemente su tutti i suoi indicatori: le riserve del paese, la bilancia commerciale, il prodotto interno, l’indice dei prezzi, la liquidità monetaria, i tassi di interesse.

Si è scatenato un attacco incessante al segno monetario; si è indotta una crisi nel normale funzionamento dei circuiti di produzione, distribuzione e consumo dell’economia produttiva, creando di fatto un processo di informalizzazione economica caotica e speculativa.

Tutto ciò ha avuto gravi conseguenze per l’economia reale: industria, commercio, produzione agricola.

IL BLOCCO PDVSA

Per minare la nostra economia e mettere in ginocchio il Paese, l’imperialismo sapeva di dover colpire il PDVSA.

Questo è stato espresso in una dichiarazione del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel gennaio 2018…

“La campagna di pressione contro il Venezuela sta funzionando. Le sanzioni finanziarie che abbiamo imposto hanno costretto il governo ad iniziare ad essere inadempiente sia sul debito sovrano che sul debito della PDVSA, la sua compagnia petrolifera. E quello che stiamo vedendo (…) è un crollo economico totale in Venezuela. Quindi, la nostra politica funziona, la nostra strategia funziona e la manterremo.

Questa è la confessione di un crimine internazionale, di un atto di barbarie economica con il solo intento di danneggiare un Paese e il suo popolo. Questa è la confessione di un crimine contro l’umanità.

Dal 2015 il procedimento penale contro la nostra industria petrolifera ha seguito contemporaneamente diverse linee d’azione:
Primo: la persecuzione finanziaria per soffocarla economicamente.

Secondo: operazioni di natura politico-giuridica in tribunali stranieri per spogliarla dei suoi beni.

Terzo: l’embargo sul commercio internazionale del petrolio venezuelano.

E quarto: il sabotaggio interno per produrre il calo della produzione.

La confisca delle risorse e dei beni di questo PDVSA, tra cui diverse raffinerie e la società CITGO, i cui beni superano i 40 miliardi di dollari, passerà alla storia come l’atto di infamia più canaglia tra una nazione potente, i suoi tribunali e una banda di mafiosi e criminali.

Gli ordini esecutivi di Donald Trump hanno impedito a PDVSA di finanziarsi sui mercati finanziari; ciò ha ridotto la sua capacità di investimento e di produzione in un settore come quello petrolifero, la cui caratteristica principale è l’uso intensivo del capitale.

Tra il 2014 e il 2019 la produzione petrolifera venezuelana è diminuita del 66,5%. Nel 2019 abbiamo generato solo un terzo del petrolio che abbiamo prodotto nel 2014.

Tra il 2015 e il 2019, il Venezuela ha smesso di produrre un totale di circa 1,195 miliardi di barili di petrolio, ovvero 1,19 miliardi di barili.

Studi indipendenti stimano che le sanzioni siano state responsabili di circa il 58% del calo totale della produzione di PDVSA dal 2015.

La stessa ricerca stima che le entrate non percepite dalla Repubblica a causa del calo della produzione petrolifera tra il 2015 e il 2019 sono dell’ordine di 65 miliardi di dollari.

L’ultimo di questi atti di ostruzionismo economico è l’assalto alle navi e alle spedizioni che portano in Venezuela i prodotti che ci permetteranno di riattivare le raffinerie, produrre benzina e rifornire il mercato interno dei carburanti.

L’embargo de facto sulle vendite di greggio venezuelano al mondo, la palese pressione contro le aziende di vari paesi affinché cessino le attività in Venezuela, il ricatto dei fornitori dell’industria per negare pezzi di ricambio e servizi, tutto, assolutamente tutto, è scritto negli ordini esecutivi di Donald Trump contro l’industria petrolifera nazionale.

Questa operazione mafiosa è stata applaudita dalle compagnie avvoltoi che sperano di rilevare il CITGO e tutti i beni venezuelani all’estero, e dalla leadership della destra estremista venezuelana.

Quanto di più di quello che abbiamo fatto, quanto di più avremmo potuto fare con quelle risorse, quante case avremmo costruito, quante vite avremmo salvato, quanto cibo e medicine avremmo potuto comprare o produrre, se gli Stati Uniti e le loro pedine interne non fossero stati feroci contro il PDVSA?

IMPATTI SOCIALI DEL BLOCCO

Quando diciamo che il blocco e le sanzioni costituiscono il crimine più perverso commesso contro il popolo venezuelano, è perché attaccano direttamente il diritto alla vita, i diritti essenziali e la dignità di tutti noi.

Durante il primo decennio di questo secolo, il Venezuela ha ottenuto i più alti indicatori sociali di tutto il continente, la promozione delle politiche sociali della Rivoluzione, le politiche di inclusione e di uguaglianza create dal Comandante Chávez, in meno di dieci anni, hanno permesso al Venezuela di ridurre la povertà e la povertà estrema a livelli storici; ha appiattito la piramide sociale, riducendo la disuguaglianza e trasferendo più del 20% della ricchezza dai settori ad alto reddito alle classi medie, ai poveri e ai settori storicamente inclusi.

Il Comandante Chávez ha progettato il Sistema delle Missioni e delle Grandi Missioni che in pochi anni – con energia creativa e partecipazione popolare – ha fornito una risposta forte al debito sociale accumulato con il popolo venezuelano nel corso di quasi un secolo: Barrio Adentro, Robinson, Ribas, Identidad, Milagro, Mercal, Negra Hipólita, José Gregorio Hernández… il sistema è cresciuto e si è esteso alle Grandi Missioni, Mission Habitat ha portato alla Grande Missione Casa Venezuela, Mission Sovereign Supply ha portato alla Grande Missione Cibo.

Le Misions, quel meraviglioso concetto, eroica creazione del comandante Chávez e del popolo venezuelano, ha permesso l’esecuzione del più gigantesco trasferimento di risorse e ricchezze ai settori medi, i poveri e gli esclusi di tutta la nostra storia.

Ancora afflitto da problemi di salute, Chavez ha scritto con le sue mani il diritto del lavoro più avanzato di questo continente. È stata lanciata una lotta per porre fine ai latifondi e milioni di ettari sono stati salvati e trasferiti alla popolazione contadina.

Gli abitanti delle colline e delle baraccopoli sono diventati i proprietari ed è iniziato il progetto di edilizia popolare più ambizioso del mondo, che quest’anno ha fornito alloggi a più di 3,2 milioni di famiglie.

In un decennio, lo Stato ha dedicato quasi 800 miliardi di dollari agli investimenti sociali. Il Venezuela è diventato una nazione di diritti, più egualitaria e autenticamente inclusiva.

Grazie al salvataggio delle nostre risorse naturali e alla democratizzazione del reddito, abbiamo vissuto una rivoluzione sociale.

Abbiamo creato un autentico Welfare State, incentrato sulla giustizia sociale, sulla ricerca del bene comune e sull’instancabile ricerca, come sognava Simon Bolivar, della suprema felicità sociale.

Il blocco criminale e l’aggressione multiforme hanno attaccato il cuore di questo progetto di giustizia sociale.

Tutti i nostri indicatori sociali sono stati influenzati in modo significativo: la morbilità e la mortalità infantile, i livelli nutrizionali della popolazione, il consumo calorico, l’accesso al cibo, hanno subito l’impatto delle misure, o sono stati in gran parte determinati dagli impatti del blocco.

Il Center for Economic Policy Studies degli Stati Uniti lo ha detto in un’indagine approfondita sul blocco del Venezuela.

Gli economisti statunitensi Mark Weisbrot e Jeffrey Sachs affermano che, a causa dei loro effetti sulla popolazione, le sanzioni dovrebbero essere considerate una “punizione collettiva del popolo venezuelano” e sostengono che il blocco e le misure coercitive contro il Venezuela sono responsabili di almeno 40.000 morti nel nostro Paese negli ultimi anni.

UN QUADRO GIURIDICO CHE LEGITTIMA L’AGGRESSIONE ECONOMICA

L’architettura di questo piano contro il Venezuela è stata progettata nei dettagli dagli Stati Uniti, attraverso il sistema finanziario, i tribunali internazionali e statunitensi, con l’appoggio del gruppo di fantocci politici che Washington ha commissionato per legittimare il furto contro il nostro Paese.

L’associazione tra i falchi supremi della Casa Bianca, le compagnie avvoltoi che aspirano ad impadronirsi dei beni del Venezuela e la banda criminale venezuelana guidata da Juan Guaidó, forma oggi una vera e propria organizzazione criminale. Un’organizzazione mafiosa che manca di scrupoli, che non rispetta la legalità e che è disposta a fare qualsiasi cosa per raggiungere il suo obiettivo.

Dal 2014 gli Stati Uniti hanno promulgato una legge, sette decreti o ordini esecutivi, uno firmato da Barack Obama nel marzo 2015, e sei da Donald Trump, oltre a 300 misure amministrative che costituiscono – insieme a una politica di sanzioni, blocco e aggressione multiforme contro il Venezuela.

Questi strumenti legali sono il braccio esecutivo del blocco più selvaggio che il mondo abbia mai conosciuto, applicato crudelmente contro il popolo venezuelano.

È la stessa politica che Jeffrey Sachs e Mark Weisbrot, economisti statunitensi, definiscono nei loro studi sul Venezuela come “punizione collettiva del popolo venezuelano”; ed è esattamente la stessa politica che l’esperto indipendente dell’ONU sui diritti umani, Alfred de Zayas, descrive come “un crimine contro l’umanità”?

Si parla sempre della stessa politica: l’applicazione illegale di misure coercitive unilaterali, chiamate con il crudele eufemismo delle sanzioni, una politica respinta dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, definita come un fatto contrario al diritto internazionale e in violazione della Carta dell’Onu.

Il blocco dell’economia venezuelana è ancorato a una strategia globale bipartisan a lungo termine che riflette il consenso dell’élite statunitense sulle relazioni con il nostro Paese.

L’aggressione criminale contro la nostra patria, che dovrebbe essere compresa da tutto il Paese, fa parte di un’azione strategica dell’impero e si basa su due leggi del Congresso degli Stati Uniti, del 1976 e del 1977, che conferiscono poteri speciali al Presidente degli Stati Uniti in caso di situazioni di emergenza nazionale.

Ecco perché Barack Obama, nell’anno 2015, ha dichiarato il Venezuela “una minaccia insolita e straordinaria per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”. Quello che all’epoca sembrava un gesto assurdo, rispondeva a una logica strategica: per radere al suolo il Venezuela, era necessario demonizzarlo come “minaccia” e da quel momento in poi invocare e applicare leggi scritte per una situazione di guerra.

Si tratta quindi di una politica legalmente basata su una situazione di eccezionalità, che permette al capo dell’impero di minacciare e attaccare altre nazioni, di perseguitare e sanzionare persone e istituzioni, dentro e fuori gli Stati Uniti, di confiscare fondi e beni, anche per eseguire azioni militari.

Tutti i venezuelani devono capire che non siamo di fronte a una politica capricciosa, parziale o personale, che dipende da chi occupa la Casa Bianca, o che può essere ribaltata da un risultato elettorale.

UNA NUOVA STRATEGIA: COSA FARE PER IL BLOCCO

Il blocco è una politica statale e deve essere affrontato con azioni e strumenti statali commisurati alla gravità del problema.

Il 13 febbraio, un mese prima che iniziassimo la lotta contro COVID19 in Venezuela, ci siamo recati al Tribunale penale internazionale per denunciare coloro che dagli Stati Uniti hanno commesso questi atroci crimini contro l’umanità.

Siamo fiduciosi che, prima o poi, la giustizia internazionale guarderà il Venezuela con obiettività e vedrà gli enormi danni che gli Stati Uniti hanno fatto a un popolo pacifico, amorevole e laborioso.

Ma quell’azione da sola, anche se necessaria, non è sufficiente.

È tempo che la nostra nazione, con l’aiuto di tutti i suoi buoni cittadini, di tutti i suoi patrioti, dei suoi settori produttivi, dei suoi intellettuali e scienziati, delle sue Forze Armate, del suo Potere Popolare, risponda al blocco e alle sanzioni con una strategia allo stesso livello.

I danni causati dall’imperialismo e dai suoi lacchè al nostro Paese e al nostro popolo sono incommensurabili e in gran parte irreparabili.

Dovremmo rispondere all’azione aggressiva dell’imperialismo con un’azione strategica flessibile di difesa e contrattacco, che permetta di affrontare il blocco e di evitare che continui a produrre più dolore e danni al nostro Paese.

A questa politica eccezionale degli Stati Uniti, dobbiamo rispondere con audacia e creatività, adattando e flessibilizzando il nostro quadro giuridico e amministrativo e adattandoci alle minacce punitive e alle circostanze complesse e mutevoli.

Non possiamo continuare a permettere che le nostre risorse e i nostri beni siano congelati, bloccati o confiscati. È obbligatorio, è un dovere patriottico difendere il patrimonio dei venezuelani. Proteggere le nostre risorse per produrre di più e distribuirle meglio.

È tempo di inventare senza sbagliare.

Dobbiamo cercare formule per poter commerciare liberamente e legalmente con il mondo senza timore di rappresaglie da parte degli Stati Uniti. Dobbiamo recuperare il reddito del Paese facendo affidamento sulle nostre forze e capacità per poter difendere il nostro popolo dai terribili effetti del blocco.

Questo è il motivo della mia presenza qui oggi, e perché in nome del popolo venezuelano, mi presento oggi davanti a questo organo del potere costituente originario, per chiedergli di discutere, discutere e approvare una legge costituzionale per affrontarla e superare il blocco.

L’ho chiamata Legge anti blocco per lo sviluppo nazionale e la garanzia dei diritti del popolo venezuelano.

DESCRIZIONE GENERALE DELLA LEGGE, ELEMENTI PRINCIPALI

La legge costituzionale che presentiamo oggi all’esame di questa sovrana Assemblea Nazionale Costituente rappresenta una prima e necessaria risposta giuridica al blocco.

Attraverso questa legge vengono creati meccanismi che rafforzeranno la gestione pubblica, miglioreranno il reddito della nazione e creeranno incentivi razionali e adeguati sotto controllo flessibile per stimolare l’attività economica interna e le alleanze produttive esterne che favoriscono lo sviluppo nazionale.

Tutti i Paesi bloccati e assediati dalle sanzioni hanno sviluppato strumenti giuridici per rispondere all’aggressione unilaterale degli Stati Uniti.

La legge antiblocco è la prima risposta dello Stato che, nell’ambito dell’ordinamento costituzionale e giuridico vigente, e in un mare di norme speciali e temporanee, permetterà allo Stato:

Proteggere i nostri beni interni ed esterni dalla minaccia di confisca, furto e saccheggio da parte di governi o società straniere allineate al blocco, attraverso una gestione efficiente degli stessi.

Stringere alleanze o associazioni con settori produttivi e aziende all’interno e all’esterno del Venezuela, per sviluppare settori economici o imprese in aree strategiche come gli idrocarburi, l’industria mineraria, la produzione industriale, la produzione agricola e i servizi.

Progettare meccanismi temporanei per accelerare la gestione dei settori economici, attrarre investimenti produttivi su larga scala e migliorare il reddito nazionale, rendendo, ad esempio, più flessibile la partecipazione azionaria dello Stato nelle società miste.

Gestire in modo efficiente le attività e le passività dello Stato per aumentare il reddito della nazione.

Creare un quadro di incentivi al lavoro e fiscali e rafforzare la stabilità giuridica per lo sviluppo di specifici settori o aree produttive.

Promuovere l’uso del Petro e di altre valute crittografiche nel commercio interno ed esterno.

La legge anti blocco per lo sviluppo nazionale pone come priorità l’ottenimento delle risorse di cui il Paese ha bisogno e che sono state rubate dal governo degli Stati Uniti.

La legge apre le porte all’innovazione amministrativa, alla gestione giuridica e alla ricerca di vie d’uscita originali e corrette dalla crisi indotta dal blocco.

La legge riafferma la piena validità della stabilità del lavoro per tutti i lavoratori e il pieno godimento dei loro diritti sociali, in quei settori in cui esercitano le azioni previste dalla legge.

Ordina che il nuovo reddito che il paese otterrà sia destinato in particolare a

Rafforzamento del reddito reale dei lavoratori e politiche retributive per il progressivo recupero dei salari.

Rafforzare ed espandere la rete e le politiche di protezione sociale dello Stato e le sue priorità come l’alimentazione e la salute. Il reddito supplementare generato da partenariati produttivi sarà investito obbligatoriamente in programmi come il CLAP e nella protezione sociale per i bambini adolescenti, le madri e i settori più vulnerabili.

Migliorare la fornitura di servizi pubblici: acqua, elettricità, gas domestico, trasporti e telecomunicazioni.

La Legge Anti-Blocco è uno strumento per proteggere i 16 motori produttivi che abbiamo progettato insieme alla gente per rilanciare la nostra economia.

Creare, sulla base delle priorità definite in questi 16 settori strategici, il nuovo modello produttivo del Paese: un’economia reale e produttiva basata sul lavoro, sull’innovazione, sulla conoscenza scientifica, sulla produzione industriale e agricola nazionale e sullo sviluppo di tutte le nostre potenzialità economiche.

È uno strumento per continuare ad avanzare nel Piano per la Patria lasciatoci in eredità dal Comandante Chavez, come guida suprema per la costruzione del Potere del Venezuela, della nuova Patria.

La Legge Costituzionale che presentiamo oggi al Paese risponde ad un’esigenza strategica dello Stato in virtù della multiforme aggressione che si sta compiendo contro il Venezuela, e i meccanismi creati da questo strumento giuridico saranno in vigore in via eccezionale fino a quando durerà il blocco, o fino a quando cesseranno gli effetti delle sanzioni e delle minacce contro l’economia.

Amatissimi elettori. Popolo del Venezuela:

Come abbiamo dimostrato qui oggi, il Venezuela si trova ad affrontare la più grande, crudele e diffusa aggressione della nostra storia, eseguita dall’impero più crudele e senza cuore che l’umanità abbia mai conosciuto.

Ci troviamo di fronte a una vera e propria organizzazione criminale internazionale che riunisce potenti interessi finanziari, aziendali e politici globali.

Questa cospirazione non si fermerà finché non distruggerà il Venezuela, non ci sottometterà e non prenderà il controllo del nostro paese. Per questo è necessario, è urgente, è vitale unire il Paese.

Dopo cinque anni di infamia, blocco e sanzioni, il Venezuela marcia in pace verso un processo elettorale il prossimo 6 dicembre per eleggere il nuovo Parlamento nazionale.

Nulla di ciò che ha fatto contro la nostra Patria avrebbe raggiunto il livello di atrocità che mostra, se gli Stati Uniti non avessero contato sulla complicità di un gruppo di politici senza anima e senza patria, che hanno raggiunto attraverso il processo elettorale il controllo dell’Assemblea nazionale solo per tradire il Paese e cercare di consegnarlo, come Giuda, ai suoi carnefici.

Ecco perché, sulla strada che stiamo percorrendo per superare i problemi generati dal blocco, è così importante che rafforziamo la nostra coscienza nazionale e insieme, tutti noi, con le nostre differenze, marciamo in pace verso l’elezione del 6 dicembre.

Quando dico insieme, intendo insieme, rispettando le nostre visioni. Il Venezuela non appartiene a una sola persona, a un solo gruppo o a una sola parte. Il Venezuela appartiene a tutti noi. E quindi, tutti noi che, come diceva Augusto Mijares, sentiamo la Patria “fino agli occhi”, il 6 dicembre abbiamo un impegno in tal senso. Non deludiamola.

Il compito principale del Venezuela nei prossimi anni sarà quello di superare e sconfiggere il blocco e le sanzioni; sconfiggere questa guerra ibrida che si sta conducendo attraverso l’economia.

Ecco perché è essenziale fornire all’Esecutivo nazionale – con il sostegno di tutte le istituzioni statali – le capacità per affrontare e sconfiggere il gigantesco furto perpetrato contro la nostra nazione. È necessario blindare e proteggere la nostra economia.

Come nel 1902, quando Cipriano Castro convocò tutti i patrioti al di là delle loro differenze per affrontare l’insolente stabilimento straniero che bloccava le nostre coste, oggi chiedo l’unione, l’unità nazionale, un’unica volontà nazionale per superare il blocco.

Siamo obbligati dalla nostra storia, dalla nostra Costituzione, dall’eroica memoria del liberatore Simón Bolívar e dall’eredità dell’eterno comandante Hugo Chávez a tenergli testa e a rovesciare questa scelleratezza storica.

Il Venezuela non ha cercato questa guerra o questo conflitto con gli Stati Uniti. Il Venezuela ama la pace e vuole essere in pace con gli Stati Uniti. Sono gli Stati Uniti, nella loro ambizione imperiale, che hanno dichiarato una guerra silenziosa e invisibile al Venezuela.

Abbiamo sopportato per cinque anni le aggressioni più perverse e disumane. Spetta a questa generazione di venezuelani affrontare questa dura prova storica e non ce ne pentiamo.

Il blocco e le sanzioni hanno ferito profondamente il nostro popolo, è vero, ma non sono riusciti a cancellare il sorriso dai loro volti, né la tenerezza, né l’amore, né l’infinita solidarietà che si annida nella nostra anima. Siamo i figli e le figlie di Bolivar, di Guaicaipuro, di Zamora, di Chavez. Oggi siamo più forti. E domani saremo ancora più forti.

Il nostro popolo ha resistito all’aggressione imperiale con dignità e fermezza. E oggi siamo qui, dopo che gli Stati Uniti hanno lanciato contro il Venezuela “i ragni più neri del loro nido”, come diceva il poeta spagnolo Miguel Hernández riferendosi al fascismo, ci alziamo in piedi e diciamo all’impero americano: L’impero criminale non è riuscito a batterci, e non riuscirete mai a batterci!

Siamo qui a testa alta, accanto alla nostra gente. Abbiamo pagato un prezzo elevato per difendere il patrimonio, la sovranità e la dignità del nostro Paese.

Ora abbiamo il compito storico di aprire le strade al futuro.

Oggi, le parole di José Felix Ribas ai giovani seminaristi e soldati nella eroica città di La Victoria, la notte prima del 12 febbraio 1814, risuonano come non mai: “Non possiamo scegliere tra vincere o morire, dobbiamo vincere.

Quando ricevette il premio Nobel per la letteratura nel 1971, il grande poeta americano Pablo Neruda parlò agli operai, ai buoni, e disse: “Le nostre stelle principali sono la lotta e la speranza”.

E citando il grande poeta Artur Rimbaud ha aggiunto: “Solo con un’ardente pazienza conquisteremo la splendida città che darà luce, giustizia e dignità a tutti gli uomini”.

E aggiungo: con ardente pazienza, con il lavoro, con la coscienza e con l’unione, sconfiggeremo l’oscurità del blocco e innalzeremo il popolo del Venezuela al suo destino storico: lo sviluppo e il benessere, sulla via del socialismo.

Popolo venezuelano, eccoci qui oggi, i vostri buoni figli e figlie per difendervi, per amarvi, per percorrere insieme la strada della vittoria.

Supereremo insieme il blocco e le sanzioni!

Vinceremo!

Fonte

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: