Il Venezuela denuncia il legame con la CIA nell’attacco contro l’Assemblea Nazionale

Sabotaggio, terrorismo e furto di informazioni classificate sono stati pianificati dall’estero.

Il presidente dell’Assemblea Nazionale del Venezuela, Jorge Rodriguez, ha riferito venerdì in una conferenza stampa che il presunto attacco all’Assemblea Nazionale è stato assunto dalla Colombia, da un agente della Central Intelligence Agency (CIA, per il suo acronimo in inglese), ha riferito Telesur.
“Grillet Álvarez è stato reclutato da un agente della CIA in Colombia”, ha detto il capo dell’Assemblea Nazionale in una conferenza stampa. Ha anche aggiunto che “ancora una volta il governo della Colombia, ancora una volta Iván Duque, nel suo zelo omicida contro il Venezuela”, sono coinvolti in atti terroristici contro il Venezuela.

Nella sua testimonianza registrata, Grilles Álvarez ha spiegato di essere stato contattato per telefono dalla Colombia da Mariano José Ugarte Morillo. Questa relazione è stata confermata giorni prima dal procuratore generale della Repubblica del Venezuela, Tarek William Saab, quando ha riferito l’incriminazione dell’ex dipendente parlamentare da parte della procura generale.

Jorge Rodríguez ha confermato che nel telefono sequestrato a Grillet Álvarez è stata registrata una videochiamata fatta a lui da José Ugarte Morillo, che era a Bogotà, in compagnia di un “funzionario dell’intelligence colombiana che riferisce a Iván Duque le azioni contro il Venezuela”.
“Duque è una persona codarda per natura, ma è terrorizzato dall’aviazione bolivariana ed è per questo che insiste ad attaccare l’arsenale difensivo del Venezuela e le forze armate”, ha sottolineato il funzionario venezuelano.

“Grillet Álvarez si era impegnato a realizzare azioni di sabotaggio, terrorismo, furto di informazioni classificate, oltre a facilitare l’accesso di gruppi estremisti alle strutture dell’Assemblea Nazionale”, ha detto Tarek William Saab quando il cittadino venezuelano implicato negli eventi all’Assemblea Nazionale è stato accusato.

Fonte: juventud rebelde

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: