Covid: il Regno Unito dovrebbe prendere l’iniziativa dal Nicaragua

Il Regno Unito dovrebbe prendere l’iniziativa dal Nicaragua, dove i primi severi provvedimenti hanno mantenuto il tasso di mortalità del coronavirus tra i più bassi al mondo, scrive John Perry.

Nell’imparare le lezioni di apprendimento su come gestire il Covid-19, un altro paese potrebbe essere aggiunto all’elenco (il Regno Unito e gli Stati Uniti devono imparare dai paesi che hanno gestito meglio il Covid-19).

I dati della Johns Hopkins University mostrano che il Nicaragua ha uno dei tassi di mortalità più bassi per 100.000 abitanti al mondo – 2,55 rispetto agli oltre 100 sia del Regno Unito che degli Stati Uniti.

Quì la pandemia si è attenuata, mentre è in ripresa negli Stati Uniti e in Europa. Attualmente ci sono solo 55 pazienti con Covid-19 negli ospedali pubblici del Nicaragua.

Sebbene il Nicaragua non sia stato bloccato, tre fattori sembrano essere stati importanti, oltre al fatto che il paese ha una popolazione relativamente giovane.

Uno è che, in una fase iniziale, si sono svolte visite casa in casa, utilizzando volontari formati, per dispensare consigli su come evitare l’infezione.

Un secondo è che nei casi sospetti altri membri della famiglia dovevano essere messi in quarantena, e questo è stato monitorato attivamente dai funzionari sanitari.

Il terzo era che c’erano relativamente pochi viaggiatori internazionali, ma tutti dovevano essere messi in quarantena e il rispetto delle norme veniva fatto rispettare.

Come dice Laura Spinney, molti dei fattori misurabili nella gestione della pandemia si sono rivelati scarsi indicatori del risultato, così come l’ipotesi che i paesi più ricchi avrebbero fatto meglio.

Un altro fattore è che molti paesi tropicali hanno avuto esperienza nell’affrontare altre epidemie. Hanno imparato cosa funziona meglio per loro, anche se questo è in contrasto con ciò che gli esperti consigliano negli Stati Uniti o in Europa.

John Perry
Masaya, Nicaragua

Harry Galbraith sull’approccio adottato dall’Isola di Man.

Non menzionata da Laura Spinney nel suo articolo, l’Isola di Man è stata forse la migliore comunità nella sua gestione del virus. L’isola è stata completamente chiusa all’inizio di marzo, e dall’inizio di giugno le vite sono state liberate dal virus e i bambini sono tornati a scuola. L’unica restrizione rimasta è la chiusura delle frontiere. È vero, l’isola è una piccola comunità di 85.000 persone ma, guardando a quanto è successo nel Regno Unito, la differenza è stata la severità della popolazione nel seguire le regole.

All’inizio di dicembre è stato suggerito che se Boris Johnson non avesse allentato le regole a Natale, la gente le avrebbe ignorate. Questo è il motivo per cui l’isolamento è fallito nel Regno Unito. Quì non si vede ancora un blocco a cui la gente ha davvero prestato attenzione.

Harry Galbraith
Peel, Isola di Man

Fonte: The Guardian

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: