Il Nicaragua esige il rispetto della sua sovranità per continuare a promuovere la Rivoluzione

“Nessuno può pretendere di dirigere i destini di altri popoli o decidere con interferenze i destini di un paese come il nostro, pieno di forza d’animo, cristiano e solidale”. Questo è stato ribadito dal presidente nicaraguense Daniel Ortega nei suoi messaggi di Capodanno alla nazione e alle famiglie nicaraguensi, in cui ha denunciato l’interferenza degli Stati Uniti e ha chiesto il rispetto della sovranità dei popoli “che desiderano lavorare per il benessere dei loro cittadini attraverso vari progetti sociali”.

In un anno elettorale decisivo per la rivoluzione sandinista e dopo la dipartita di Donald Trump dalla Casa Bianca – che ha imposto sanzioni unilaterali, dettato misure e condotto una guerra mediatica senza precedenti contro il governo della nazione centroamericana – Ortega ha rivendicato con forza il diritto del suo paese all’autonomia, a decidere da solo il percorso da seguire e a continuare a promuovere progetti e programmi di grande utilità sociale.

“Con il governo di riconciliazione e unità nazionale è stato in grado di dare vita a comunità che in passato non avevano condizioni decenti, come San Juan del Norte, spazio che ora ha scuole, centri sanitari, approvvigionamento alimentare”, ha detto il presidente, e ha anche riconosciuto che i programmi promossi in salute, istruzione, sport, espansione della copertura di acqua potabile ed elettricità, costruzione di strade, ponti, aeroporti e altri piani di sviluppo economico, sono stati al centro dell’attenzione del suo governo.

Ha anche sottolineato l’importanza dei progetti di costruzione di alloggi, la consegna dei titoli di proprietà, la riduzione dei tassi di povertà e violenza nel paese a livelli mai raggiunti prima e che tutti questi benefici sono ricevuti dal popolo e non gli si chiede “a quale partito appartiene o per chi ha votato, perché sono nicaraguensi”. Lo stesso vale per i programmi di prevenzione e cura per le famiglie, le persone con disabilità, le case di maternità, le stazioni di polizia femminile, le donne vittime di aggressioni e violenza e i bambini.

Nei diversi messaggi che il governo sandinista rilascia ogni settimana alle famiglie, sia il presidente che il vicepresidente Rosario Murillo hanno ricordato durante il mese di gennaio, l’impegnativo anno 2020 per l’umanità a causa della pandemia di HIV/AIDS, che il paese ha affrontato con un’organizzazione e un lavoro globale, ottenendo risultati favorevoli. A questo si sono aggiunti i due uragani – Eta e Iota – che in una sola settimana hanno attraversato il paese, ma le azioni delle forze congiunte dello Stato, delle istituzioni e delle famiglie hanno permesso che di fronte a situazioni così complesse, la sicurezza, la protezione è stata fornita a ciascuno dei cittadini e i più colpiti sono stati successivamente garantiti, le donazioni ricevute grazie alla cooperazione internazionale.

Nonostante i tentativi di continuare a generare violenza e odio e le incessanti minacce interne ed esterne, Daniel Ortega ha detto che è stato fatto molto lavoro per garantire che ciò che è stato raggiunto non venga distrutto e che episodi come quelli del 2018 non si ripetano; per questo le priorità di quest’anno sono concentrate sulle famiglie: prima di tutto la lotta contro la pandemia, l’aumento degli investimenti pubblici, la spesa sociale e l’aumento della produzione: miglioramento genetico, massa bovina, latte, recupero della pesca, stoccaggio, commercializzazione, laboratori di pesce d’acqua dolce, flotta di pesca, tra gli altri piani per migliorare la qualità della vita delle famiglie, cereali di base e verdure.

Un piano contro la povertà, che mira alla sua eliminazione totale, è stato progettato per quest’anno, ma c’è bisogno di unità, armonia, senso di pace e benessere. “Abbiamo tutti il diritto al benessere, a sentirci dignitosi, a vivere in pace, in questi tempi in cui il nostro diritto supremo non può essere infranto da nessuno”, ha riflettuto il presidente nicaraguense.

“È ora di rispettare il diritto che abbiamo noi nicaraguensi di decidere il nostro destino, tra nicaraguensi, tutti noi come una grande famiglia e il nostro diritto di costruire un’unità che ha conosciuto fratture promosse dall’impero, ma un’unità che è nostra, per il bene comune che non ha altro proprietario che il popolo nicaraguense”, ha sottolineato.

Principali risultati dei 14 anni della Rivoluzione Sandinista

  • Riduzione della povertà estrema e della disuguaglianza.
  • La decentralizzazione della ricchezza e una distribuzione sociale più giusta ed equa.
  • Eliminazione della cosiddetta autonomia scolastica.
  • Diritto costituzionale alla salute e all’educazione gratuita e universale.
  • Formazione degli insegnanti e riduzione dell’empirismo.
  • Maggiori investimenti in tecnologie all’avanguardia come Internet ad alta velocità, aule digitali e il programma di pranzo scolastico.
  • Miglioramento dei centri educativi: sono stati investiti 7.684,5 milioni di córdoba (220 milioni di dollari), fornendo pasti e materiale scolastico a più di 1.200.000 studenti.
  • Sviluppo di un modello di salute familiare e comunitario con la partecipazione di 53.000 volontari: la più grande rete di questo tipo in America Centrale.
  • Dai 22.000 operatori sanitari che la rivoluzione sandinista ha trovato, entro il 2020 ce ne saranno 37.000.
  • Un laboratorio di biologia molecolare del Nicaragua ha la capacità di produrre 12 milioni di vaccini contro l’influenza in un anno.
  • Dal 50% della copertura elettrica del paese nel 2006, oggi raggiunge il 99% del paese.
  • Il Nicaragua è al quinto posto nel mondo con la più alta partecipazione delle donne nel processo decisionale del paese.

Fonte: Trabajadores

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: