Lula: “La sinistra può tornare a vincere”

Luiz Inácio Lula Da Silva costituisce ancora un’enorme risorsa per il movimento operaio e popolare brasiliano e internazionale. L’abbiamo potuto constatare di persona intervenendo all’incontro organizzato il 13 febbraio sera presso la Sede nazionale della CGIL. Il settantaquattrenne ex presidente del Brasile è in piena forma ed esibisce una vitalità e una lucidità sorprendenti per un settantaquattrenne  costretto ingiustamente  a passare molti mesi in galera nel recente passato.

Lula ci ha parlato con orgoglio dei successi indiscutibili della sua amministrazione, che ha sottratto milioni di persone alla miseria, creato milioni di posti di lavoro, consentito a centinaia di migliaia di giovani poveri di accedere all’istruzione superiore e all’università e restituito al Brasile il rango di Potenza internazionale nell’ambito dell’Alleanza BRICS.

Ha ricordato, con aneddoti gustosi e battute salaci, le sue esperienze ai Vertici internazionali, come quello del G8 ad Evian che segnò il suo debutto su quella scena. Lui, che aveva cominciato a lavorare bambino e sofferto la fame vera, si chiedeva chi altro dei partecipanti a quelle riunioni di VIP potesse vantare un curriculum del genere. Ciò nonostante riuscì a stabilire rapporti di umana comprensione e simpatia persino con loro, nessuno escluso.

La sua umanità è davvero sconvolgente, fatta di disponibilità a capire, grande intuizione e capacità di risolvere i problemi  trovando quella semplicità che è difficile farsi, della quale parlò una volta Bertolt Brecht. Ma anche di una dignità davvero estrema e della caparbietà infinita nella lotta per la giustizia a tutti i livelli.

Ha ricordato, fra l’altro, come proprio a quella riunione di Evian, tutti si fossero alzati in piedi all’arrivo di Bush. Lui no, ci ha detto, perché Bush non si era alzato in piedi al suo arrivo. L’eguaglianza fra le persone praticata con coerenza in ogni circostanza. Dello stesso Bush respinse con forza la pretesa di giustificare l’invasione dell’Iraq con il pretesto delle armi chimiche, una scelta disastrosa della quale ancora oggi il popolo iracheno e altri popoli della regione stanno pagando duramente le conseguenze.

Ai temi della disuguaglianza e del disastro ambientale è stato dedicato l’incontro che aveva avuto, subito prima del nostro, con Papa Francesco e su questi ed altri temi  i due grandi leader hanno trovato una sintonia che davvero non stupisce chi ne conosca la storia e le posizioni.

Parole chiare le ha avute nei confronti dell’amministrazione Trump, commentando con ironia la farsa del pagliaccio autoproclamato Guaidò, da lui definito un “pazzo venezolano”  richiamando con forza alla necessità di rispettare le scelte del popolo del Venezuela. Ha anche condannato   il tentativo di spazzare via i Palestinesi, per i quali ha chiesto uno Stato, come l’ebbe a suo tempo Israele.

Grandi temi, scelte indiscutibili e di cristallina trasparenza.  Il grottesco personaggio che, grazie alla montatura giudiziaria del giudice Moro, ne ha preso il posto alla presidenza del Brasile, ha rapidamente restituito questo enorme e ricchissimo Paese al tradizionale ruolo di marionetta degli Stati Uniti e delle multinazionali, mentre peggiora a vista d’occhio la situazione sociale ed ambientale e si moltiplicano i crimini delle forze dell’ordine e delle milizie di natura apertamente criminale con esse collegate.  Fra tali crimini vari assassinii politici contro leader come Mariele Franco ma anche altri meno noti.

Sicuramente l’esperienza fatta negli ultimi anni ha ulteriormente affinato le capacità politiche di Lula e potrà consentire a lui e alla coalizione di movimenti sociali e partiti politici che lo appoggia di mettere  in cantiere politiche ancora più efficaci che in passato e di segno ancora più netto nel senso soprattutto della protezione dei diritti sociali e dell’ambiente. E ovviamente del rilancio della Patria Grande, del sogno dell’integrazione latinoamericana basata su organismi attualmente in quiescenza, come la CELAC e UNASUR, che devono tornare ad operare per la pace, la democrazia e il benessere dei popoli latinoamericani.

Come evidenziato più volte di recente dallo stesso Lula, la sinistra può tornare a vincere. Ma a tale fine è molto importante che torni in campo lui, superando l’ingiusto ostacolo ai suoi diritti politici costituito dal procedimento penale pretestuoso, del quale i suoi legali hanno chiesto, di fronte alla Corte suprema,l’annullamento, dati i vari vizi sostanziali e procedimentali che lo rendono completamente illegale e contrario ad elementari principi di diritto.

di Fabio Marcelli

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: