Lula chiede di “licenziare” Bolsonaro per non aver comprato il vaccino cinese

L’ex presidente brasiliano Lula da Silva si è scagliato contro l’attuale presidente Jair Bolsonaro per aver rifiutato di acquistare il vaccino cinese e ha chiesto la sua rimozione.

“Se Bolsonaro non si fida dell’efficacia del vaccino, che non lo applichi”. Ma il ruolo di un presidente della Repubblica è quello di permettere alla popolazione di avere il vaccino a disposizione. Se manca un crimine di responsabilità, questa è la più grande irresponsabilità di un presidente che ho visto”, ha criticato giovedì l’ex leader brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva (2003-2010) sul suo account Twitter.

Se c’è bisogno di un motivo per discutere l’impeachment, Bolsonaro ha appena commesso un crimine contro la nazione, ha detto il leader di sinistra.

Bolsonaro ha detto lo stesso giorno che il Brasile non acquisterà il vaccino contro il COVID-19 dalla società cinese Sinovac, perché non “fornisce abbastanza sicurezza alla popolazione”.

Il Brasile rimane il terzo paese più colpito al mondo dal nuovo coronavirus dopo gli Stati Uniti e l’India. Secondo i dati globali di Worldmeters, la nuova pandemia di coronavirus, che causa COVID-19, ha finora causato 155 962 morti e più di 5 330 000 infetti nel paese.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: