L’Ottavo Congresso del Partito comunista cubano

di Fabio Marcelli.

Finisce oggi, lunedì 19 aprile, l’Ottavo Congresso del Partito comunista cubano, un avvenimento di grande importanza non solo per Cuba ma per tutta l’umanità.

Sono tempi duri per il pianeta. Tempi di devastazione da virus, di catastrofi ambientali imminenti, di diseguaglianze crescenti, di povertà galoppante, di violazione dei diritti umani massicce e generalizzate, di crisi di ogni ideale progressista e di trasformazione.

In tempi del genere tuttavia resiste e si ripropone con forza l’esempio di Cuba. Nonostante le gravi difficoltà economiche dovute al bloqueo, le persistenti campagne diffamatorie, la testardaggine delle amministrazioni statunitensi, qualunque ne sia il colore, sempre determinate a porre fine all’anomalia cubana, Cuba continua a dare a tutto il mondo l’indicazione di un possibile cammino diverso, basato sulla giustizia sociale, la solidarietà e l’uguaglianza fra gli esseri umani, l’esistenza di un destino collettivo da perseguire tutte e tutti insieme.

Mi sfugge il nome dell’oscuro e miserando senatore forzaitaliota che, nel momento della discussione dell’ordine del giorno di ringraziamento per l’impegno dei medici cubani in Italia contro il COVID, ha osato riproporre, come un disco rotto, la solfa scarsamente credibile del presunto mancato rispetto dei diritti umani a Cuba. Tutti sanno che è vero esattamente l’inverso, i diritti umani, di qualsiasi tipo e categoria, sono ben più rispettati e promossi nella piccola isola assediata da oltre sessant’anni che nel resto del mondo e soprattutto in Occidente. I tre milioni di vittime fin qui perite per il COVID non sono morte solo per il virus ma anche per colpa di un sistema, oggi ancora egemone a livello mondiale che antepone il profitto individuale alla protezione della vita umana.

Cuba costituisce un piccolo ma significativo segnale di controtendenza in mezzo a tanto sfacelo e a tanto squallore. Per questo l’Ottavo Congresso del Partito comunista cubano che è iniziato qualche giorno fa all’Avana costituisce un evento da seguire con attenzione e profondo rispetto.

A fine del mandato di Raul Castro da Segretario del Partito costituisce, al momento, uno degli elementi di maggiore novità di questa assise congressuale. Queste dimissioni, che non significano certo cessazione dell’impegno di questo grande rivoluzionario, che continua, vanno collocate all’interno dell’inevitabile transizione generazionale. Stante le sfide che fronteggiano il popolo cubano, occorrerà verificare la capacità collettiva del Partito comunista di guidare il paese nella resistenza all’assedio che continua e nei necessari cambiamenti.

Cambiamenti necessari che tuttavia presuppongono la continuità dei pilastri della rivoluzione cubana e anzitutto il partito. Partito che, nelle parole del Secondo Segretario, José Ramón Machado Ventura, costituisce «la garanzia dell’unità nazionale e la sintesi degli ideali di dignità, giustizia sociale e indipendenza delle generazioni di patrioti che ci hanno preceduto e di quelli che  li hanno fatto propri in tutti questi anni di lotta e di vittoria».

In queste parole sembra racchiuso il nocciolo vivo e operante di sessant’anni di rivoluzione ininterrotta che ripropone oggi i suoi ideali di fondo in un contesto sempre difficile ma che potrà essere ancora una volta affrontato in modo vittorioso grazie alla partecipazione dei giovani e dei lavoratori.

Le tre commissioni del Congresso hanno avuto ad oggetto i risultati economici e sociali dal Settimo Congresso a oggi, la politica dei quadri e il funzionamento interno dell’organizzazione politica. Ciò conferma l’importanza di lavorare per migliorare ulteriormente il principale strumento che il popolo cubano ha oggi a disposizione, il suo Partito comunista.

Grazie a questo strumento ineliminabile il popolo cubano ha potuto, nei sessant’anni della Rivoluzione, attuare ed estendere le sue conquiste su tutti i piani, costituire un esempio formidabile per il resto dell’America Latina e tutti i popoli del mondo ed offrire al mondo intero, come dimostrato da ultimo dalle missioni mediche e dai vaccini di qualità prodotti in massa contro il COVID, elementi molto concreti di solidarietà e di aiuto fraterno, espressione di un’autentica vocazione internazionalista ed universalista.

Patria Grande, come parte del movimento di solidarietà internazionale nei confronti di Cuba e di tutti i Paesi dell’America Latina, guarda come sempre con ammirazione e speranza verso l’isola, della quale abbiamo enorme bisogno in questo momento, così come il popolo cubano, afflitto dal bloqueo da oltre sessant’anni, ha bisogno del nostro impegno per porre fine a questa mostruosità genocida e avanzare finalmente verso una nuova umanità.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: