López Obrador chiede al Regno Unito di liberare Julian Assange e gli offre asilo politico

“Sono contento che in Inghilterra si comportino in questo modo, perché Assange è un giornalista e merita una possibilità”, ha detto il presidente, parlando del rifiuto di Londra di estradare l’attivista australiano negli Stati Uniti.

Il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha accolto lunedì il rifiuto del Regno Unito di estradare negli Stati Uniti il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange.

“Sono contento, in primo luogo, che in Inghilterra il signor Assange sia stato protetto, che l’estradizione verso gli Stati Uniti non sia stata autorizzata. Penso che sia un trionfo della giustizia, sono contento che in Inghilterra si agisca in questo modo, perché Assange è un giornalista e merita una possibilità”, ha detto il presidente durante la sua conferenza stampa del mattino, dove ha aggiunto di essere favorevole alla grazia dell’attivista australiano.

Allo stesso modo, Lopez Obrador ha indicato che chiederà al Segretario degli Affari Esteri messicano, Marcelo Ebrard, di avviare le procedure corrispondenti prima che il Regno Unito chieda “la possibilità che il signor Assange sia rilasciato” e che il Messico gli offra “asilo politico”.

“Ci congratuliamo con il sistema giudiziario britannico per la decisione presa oggi, era solo nelle prime ore del mattino, ma è stata un’ottima decisione; quindi, perdonate il signor Assange, il perdono e l’asilo in Messico, gli daremo protezione, lo faremo”, ha sottolineato il presidente alla conferenza stampa.

Ha chiarito che sarà una procedura “con ciò che significa il diritto d’asilo” e la “tradizione” del Messico di fornire “protezione”; ma, allo stesso tempo, “la responsabilità di fare in modo che la persona che riceve l’asilo non intervenga, non interferisca negli affari politici di nessun paese”.

Il rifiuto di estradarlo

Lunedì, il giudice distrettuale britannico Vanessa Baraitser ha negato l’estradizione di Assange negli Stati Uniti, dove è accusato di spionaggio e hacking informatico a seguito della pubblicazione di documenti segreti sul suo sito web WikiLeaks nel 2010 e nel 2011, per i quali potrebbe ricevere fino a 175 anni di carcere.

Un tribunale britannico si rifiuta di estradare Assange negli Stati Uniti per paura che si suicidi

Il giudice ha stabilito che l’attivista 49enne è a rischio di suicidio se viene perseguito negli Stati Uniti. Ha notato che Assange soffre di depressione clinica da moderata a grave, che sarebbe esacerbata dall’isolamento che probabilmente affronterebbe in una prigione statunitense.

Assange è attualmente detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh nel Regno Unito. È stato arrestato nell’aprile 2019 presso l’ambasciata dell’Ecuador a Londra dopo che il governo di Lenin Moreno ha deciso di ritirare il manicomio del fondatore di WikiLeaks.

Ha trascorso sette anni presso la sede diplomatica, ricevendo anche la cittadinanza ecuadoriana.

Fonte: RT

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: