“I poteri vogliono imporre la legge”

Questo è un esercito con giovani uomini forgiati con tutto l’acciaio della nostra storia, la fermezza dei nostri eroi, la forza del generale Benjamin Zeledon a cui hanno dedicato oggi questa promozione, ha detto il presidente Daniel Ortega a conclusione della cerimonia del 25° Gradimento degli Ufficiali del Centro Superior de Estudios Militares “Il generale maggiore José Dolores Estrada Vado ha tenuto nella Plaza de la Revolución a Managua.

Accompagnato dal vicepresidente Rosario Murillo, dal comandante in capo dell’esercito nicaraguense, dal generale Julio César Avilés Castillo e dagli alti ufficiali di quell’istituzione, il presidente Daniel ha ricordato che questo esercito è nato nella foga del trionfo rivoluzionario essendo, in questi anni, portatore ed erede della storia eroica del Nicaragua.

“E dite al popolo del Nicaragua che qui hanno i loro figli per servire il popolo, per difendere la sovranità, la pace e la stabilità del Paese con tutta la fermezza, la forza e la convinzione che è necessaria, come hanno dimostrato i nostri eroi e i nostri martiri”, ha detto.

Il presidente ha descritto la lotta e la resistenza dei patrioti, affermando che questa è l’eredità che l’esercito nicaraguense ha raccolto oggi.

“Chi ha affrontato il generale José Dolores Estrada con Andrés lanciando la pietra contro gli invasori? Ha affrontato gli invasori, gli espansionisti dell’impero del nord. Coloro che avevano osato imporre un presidente yankee qui in Nicaragua, William Walker, e riconosciuto dal governo americano dell’epoca”, ha detto.

E il generale Benjamin Zeledon? Li ha affrontati e li ha sconfitti (…) perché non si è arreso. E cadde difendendo la sovranità del Paese contro le truppe dell’esercito americano, che si offrì di risparmiare la sua vita se si fosse arreso e lui, più tardi anche il generale Sandino lo dirà, non si vendette né si arrese mai. E questa è la vittoria, la dignità del popolo”, ha ricordato.

Gli Stati Uniti hanno commesso crimini contro l’umanità

Ha ricordato che, come hanno fatto nel corso della storia, le grandi potenze militari ed economiche vogliono imporre la legge del più forte del mondo.

“Hanno commesso crimini contro l’umanità, ma chi li punisce, chi li punisce, se sono una potenza e poi il mondo diventa un mondo dove si impone la legge del più forte e non la legge che si stabilisce nelle Nazioni Unite, dove tutti i Paesi la sottoscrivono. Cercano di imporre nella nostra America Latina e nei Caraibi la legge del più forte e, dove non funziona, ricorrono a colpi di stato militari, lo abbiamo visto in Bolivia, con la complicità delle organizzazioni internazionali e degli Yankees che guidano l’OSA”, ha detto.

Il presidente ha affermato che si sono aperti nuovi spazi in America Latina, dove non tutti i governi dicono Sì Signore agli Yankees, ma ci sono state cospirazioni, colpi di stato e persecuzioni come è successo in Brasile con Lula da Silva e in Bolivia con Evo Morales.

“Non si rendono conto che il mondo è cambiato, che non è più possibile che un potere egemonico si stabilisca nel mondo, che ora ci sono diversi fronti che stanno prendendo forma, alcuni più forti, altri meno forti. Anche qui in America Latina, l’Alba e poi la comunità degli Stati latinoamericani e caraibici, il CELAC, hanno potuto prendere forma”, ha ricordato.

Ha sottolineato che il governo nicaraguense vuole rapporti rispettosi con gli Stati Uniti, ma ha chiesto agli ambasciatori di porre fine alla cospirazione delle loro ambasciate che cercano di riunire i terroristi, i capi del colpo di Stato, coloro che hanno tirato fuori i chiodi e ucciso e bruciato nell’aprile 2018.

“Li stanno alimentando di nuovo e stanno cercando il modo di unirli offrendo loro risorse affinché nelle prossime elezioni, che avremmo avuto nel 2021, possano mettere in ginocchio un presidente di fronte alla politica imperialista.

“Questo è quello che piace a loro, non solo qui in Nicaragua, ma il popolo è ribelle e alla fine della giornata decide e il miglior esempio che abbiamo in Bolivia; quando non hanno potuto resistere alla pressione del popolo sono arrivate le elezioni e non hanno potuto sconfiggere il popolo boliviano nonostante i loro milioni e le loro campagne”, ha detto.

In questo senso, ha detto che gli Stati Uniti devono capire che l’immagine che hanno voluto vendere, che sono la democrazia perfetta, è totalmente deteriorata, non solo davanti al mondo, ma anche davanti al popolo americano stesso.

“Se non ricordiamo la lotta negli Stati Uniti e i crimini che sono stati commessi contro i combattenti per i diritti civili, per il diritto di voto e il diritto a lavorare per le donne. Quante persecuzioni, quanti crimini, alcuni ai tempi della repressione perché marciavano, e poi processati e impiccati, semplicemente per aver chiesto di ridurre le ore di sfruttamento”, ha detto.

Ha espresso che i fascisti non sono scomparsi dagli Stati Uniti, e marciano con le insegne dei nazisti e permettono loro di camminare armati e di commettere crimini, e non ci sono diritti umani che contano, “ci sono violazioni dei diritti umani ogni giorno, per non parlare dell’atteggiamento contro gli immigrati centroamericani, africani, asiatici”. Le barbarie che vengono fatte contro i nostri popoli”, ha sottolineato.

Riferendosi alle elezioni americane, ha detto che vogliono dare lezioni di democrazia, ma non si vedono nel loro specchio.

“Lì si combattono, e si accusano a vicenda di frode con un sistema elettorale dove il voto del popolo non è valido perché il popolo vota, ma poi in ogni stato, i delegati di ogni partito, decidono di eleggere quello che ha avuto il minor numero di voti popolari.

“Guardate che tipo di democrazia è, cosa succederebbe se dicessimo qui che seguiremo l’esempio degli Stati Uniti che è la democrazia perfetta, e che faremo riforme costituzionali per stabilire un modello come quello degli Stati Uniti? Come reagirebbero qui gli europei e gli stessi yankee, criticandoci, dicendoci che stiamo consolidando la dittatura e la tirannia in Nicaragua quando dove c’è davvero una tirannia, una dittatura del potere economico, del potere militare, c’è negli Stati Uniti?

Continueremo a difendere la pace

Il presidente Daniel ha ribadito che in Nicaragua “continueremo a difendere la pace come è stato fatto anche nei momenti più difficili della guerra”.

“Gli anni Ottanta sono stati un periodo difficile, e alla fine abbiamo raggiunto la pace. Avevamo avuto la pace passando attraverso diversi governi per la prima volta nella storia del nostro Paese. Nel novembre 2006 siamo tornati al governo attraverso le elezioni e dal 2007 al 2016 c’è stata una grande alleanza nazionale dove nessuno ha parlato di scontri o di guerra, finché non sono arrivati i cospiratori, nutriti dagli Stati Uniti e hanno provocato quel bagno di sangue nell’aprile 2018”, ha detto.

“Siamo riusciti a ristabilire la pace e anche, in mezzo a condizioni molto complesse come la pandemia, e poi gli uragani, a stabilizzare l’economia, raggiungendo tassi di crescita, mentre altri Paesi sono in condizioni molto difficili, anche se hanno economie più forti delle nostre, ma questo è lo sforzo di un intero popolo che vuole lavorare, che vuole pace e stabilità”, ha aggiunto.

Durante la cerimonia si sono diplomati 79 ufficiali, di cui 48 hanno studiato presso l’Accademia militare del Nicaragua e 31 presso le scuole delle forze armate di Russia, Cina-Taiwan, Repubblica Dominicana e Honduras. A questa laurea hanno partecipato sette donne che hanno deciso di servire l’esercito in tutte le missioni e i compiti loro affidati a beneficio dei nicaraguensi.

“Forgiamo uomini e donne per servire la Patria, questo è il motto del Centro Superior de Estudios Militares, e in esso esprimiamo l’impegno permanente di educare le nuove generazioni, di essere fedeli alla Patria e coesi attorno al comando. Tutti insieme alla loro formazione militare sono stati educati avendo come riferimento i più alti esempi di patriottismo e dignità, ereditati dai nostri eroi nazionali e da coloro che hanno offerto la loro vita in difesa dei sacri interessi nazionali”, ha detto il generale Avilés Castillo.

Fonte: Vision Sandinista

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: