L’opinione pubblica ritiene che il Nicaragua abbia il miglior governo degli ultimi 50 anni

I risultati dell’ultima indagine condotta dal Sistema di Monitoraggio dell’Opinione Pubblica, M&R Consultores, mostrano diversi aspetti sociali ed economici che sono di interesse per i cittadini.

Secondo i dati di questa indagine condotta in 68 dei 153 comuni del paese, il 60,5% della popolazione è soddisfatto del funzionamento della democrazia, ma sottolinea anche che più dell’85% degli intervistati ritiene che per raggiungere lo sviluppo e il benessere, in nessun caso la pace e la tranquillità devono essere messe a rischio.

“Alla domanda su cosa pensano dell’idea di riprendere la direzione che il nostro Paese ha preso fino al 18 aprile 2018, l’81,7% dei cittadini ha risposto di essere d’accordo con questa intenzione, mentre il 4,2% non è né a favore né contro”, ha dichiarato Raúl Obregón, direttore generale di M&R Consultores.

Un altro elemento che si riflette nello studio è la qualificazione della popolazione, in termini di approccio alla crisi sanitaria da parte del Ministero della Salute, che secondo il 67,6% della popolazione intervistata lo considera buono, mentre il 13,9% afferma che il lavoro è stato regolare.

Dal punto di vista politico, questo sondaggio riflette una ferma simpatia del 46,5% per il Fronte di Liberazione Nazionale Sandinista, a cui si aggiunge l’11,4% considerato un voto morbido, per un totale di 57,9% di sostegno popolare.

“C’è un trend positivo di approvazione per la direzione in cui il presidente Daniel Ortega sta guidando il Paese, che è espresso dal 62,6% della popolazione, che ritiene che il Paese si stia muovendo nella giusta direzione, ma anche il 66,1% della popolazione è soddisfatto del presidente nicaraguense, contro il 18,2% che ha un’opinione diversa”, ha detto Obregón nel rapporto.

Vi suggeriamo di leggere: il Presidente Daniel Ortega mette in evidenza un sistema carcerario più umano.

Questa affinità ideologica si rafforza quando il 70,8% degli intervistati afferma che l’attuale governo genera speranza, mentre un altro 66,3% ritiene che il nostro Paese abbia fatto progressi negli ultimi 6 anni.

A questo proposito, va notato che il 28,2% dei cittadini consultati ritiene che il Paese sia regredito in modo significativo, ma la maggior parte sostiene che ciò sia dovuto agli eventi politici del 2018 e alla pandemia del Coronavirus.

“Nel 2017 la direzione del governo centrale ha avuto un’approvazione del 78,3%, ma con quanto accaduto nel 2018 questa percentuale è scesa al 36,8% e dal 2019 ad oggi il dato è cresciuto dal 57,7% al 67,2% espresso nell’ultima indagine popolare”, ha aggiunto il responsabile di M & R Consultants.

Infine, i risultati del sondaggio d’opinione indicano che la percezione dei nicaraguensi che valutano i migliori governi degli ultimi 50 anni, l’attuale amministrazione si distingue con un rating di approvazione privilegiato del 35%, un riconoscimento che si ripete anche nel periodo di governo dal 1980 al 1990, con un favorevole 16,2%.

Fonte: TV Noticias

Traduzione: patriagrande.it

 

Un’indagine della società M & R Consultores ha rivelato oggi che la maggior parte dei nicaraguensi considera i governi guidati da Daniel Ortega i migliori dell’ultimo mezzo secolo.

Il trentacinque per cento della popolazione ha espresso soddisfazione per l’attuale amministrazione Ortega e il 16,2 per cento ha valutato positivamente il suo primo mandato dopo la vittoria sandinista (1980-1989).

Sulle tendenze degli ultimi sondaggi Raul Obregon, proprietario della società, ha dichiarato a Prensa Latina che il Fronte di Liberazione Nazionale Sandinista (FSLN) si sta rafforzando come il più forte raggruppamento politico del Nicaragua.

Obregón ritiene che ci siano due gruppi principali nel panorama politico del Paese centroamericano: la FSLN, che gode di circa il 48% di sostegno popolare, e l’opposizione, che ha poco più di otto punti percentuali nella distribuzione delle preferenze.

La FSLN ha il 46,5 per cento del cosiddetto zoccolo duro a suo favore e le forze che si oppongono al partito al potere ammontano solo all’8,4 per cento per lo stesso tipo di supporto.

L’indagine per il secondo trimestre di quest’anno ha preso un campione di 1.600 persone, che rappresentano un universo di quasi 5,25 milioni di nicaraguensi di età superiore ai 16 anni, con un margine di errore di più o meno 2,5 per cento e un livello di fiducia di 95 punti percentuali, ha spiegato Obregón nella presentazione dello studio.

La maggioranza assoluta (96,1) crede nel dialogo come mezzo per risolvere i conflitti politici e 1,9 crede nel confronto come meccanismo di risoluzione.

Quasi la metà degli intervistati (49,1) ha individuato i problemi economici come i più pressanti in Nicaragua, e in quell’area di opinione la percentuale maggiore (26,1) ha indicato al primo posto la disoccupazione.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: