Alla ricerca del sud

di Piedad Cordoba.

Le recenti sconfitte della destra continentale in Bolivia e in Cile lasciano in discussione la ripetuta ma fallace tesi della fine delle alternative progressive nella Nostra America. In un paio di settimane, i popoli della Bolivia e del Cile hanno inferto duri colpi all’offensiva conservatrice della regione, dimostrando che più che un pendolo politico o una chiusura del ciclo progressista, l’America Latina sta vivendo un crescente inasprimento della lotta politica. In questo ottobre andino del 2020, le urne hanno tradotto gli anni di lotta accumulati dai movimenti sociali di questi popoli, dimostrando l’incredibile capacità di resistenza popolare di fronte alla cruda repressione che hanno dovuto affrontare.

Tenendo conto delle immense distanze e delle loro peculiarità, la Bolivia e il Cile mostrano le tendenze regionali della lotta politica continentale e contribuiscono con interessanti lezioni per la conquista dei cambiamenti sociali che la Nostra America desidera. In primo luogo, sia la sepoltura della costituzione di Pinochet con il rifiuto elettorale travolgente, sia il ritorno del MAS-IPSP al governo boliviano, esprimono e approfondiscono allo stesso tempo il riflusso egemonico nordamericano sulla regione. Sostenendo e persino rafforzando la sua interferenza, il governo uscente Trump è la migliore caricatura del declino del potere, sommerso nella sua crisi interna e senza la capacità di mantenere il controllo assoluto del suo ex cortile di casa.

Gli entusiasti latinoamericani di Washington, che hanno proclamato la fine del ciclo progressista 4 anni fa con il colpo di Stato in Brasile, il governo Macri in Argentina, la perversione di Lenin Moreno in Ecuador e l’intensificarsi dell’assedio al Venezuela che ha portato alla patetica figura della presidenza fittizia di Guaidó, trovano oggi un altro panorama continentale che ratifica la continuità della resistenza popolare, l’irruzione di alternative politiche e la crisi di una destra continentale incompetente, che ha comunque tutto l’appoggio imperiale. Le vittorie democratiche in Bolivia e in Cile fanno parte di questa “nuova” realtà regionale che ci ricorda che la disputa politica rimane aperta, in mezzo al cambiamento degli orizzonti geopolitici e all’intensificarsi delle lotte a livello nazionale.

In secondo luogo, la Bolivia e il Cile sono un’eccellente lezione di politicizzazione positiva dei movimenti sociali. Mentre in Colombia i funzionari del governo Duque hanno cercato di squalificare la minga indigena per essere “politicizzata” (politici che demonizzano la politica), il MAS-IPSP, di nuovo vincitore con la formula Arce-Choquehuanca, rappresenta un movimento socio-politico che è emerso dall’elevazione delle richieste sociali a progetto alternativo per il paese. Questa vittoria elettorale è stata ottenuta grazie alle eroiche giornate di mobilitazione della Guerra dell’Acqua (2000), della Guerra del Gas (2003), della lotta per la nazionalizzazione degli idrocarburi (2005) e dei 14 anni di governo del leader dei coltivatori di coca Evo Morales. Allo stesso modo, l’approvazione della Convenzione costituente domenica scorsa in Cile corona un ciclo mobilitante di quasi 15 anni iniziato con la Ribellione dei pinguini (2006) e che ha avuto la sua massima espressione nei giorni di ottobre dello scorso anno. Lo slogan: “Non sono 30 pesos, sono 30 anni”, con cui sono iniziate le proteste nella metropolitana di Santiago nel 2019 e che denunciava il fallimento della mal nominata “transizione” cilena, sintetizza molto bene che non c’è contraddizione tra le lotte per le garanzie sociali e la proiezione di queste verso un’alternativa politica di un nuovo governo e una nuova costituzione. La Bolivia e il Cile ci mostrano che per realizzare realmente le esigenze sociali, anche il regime politico deve essere trasformato. Se, come dicono i funzionari del governo colombiano, la minga è politica, è sulla strada giusta.

In terzo luogo, Bolivia e Cile rappresentano due lati della stessa crisi. Della crisi dell’egemonia di destra nella regione. Quando c’è la volontà di combattere e di resistere, le varie forme di contenimento della volontà popolare sono altrettanto frustrate. L’impresentabile governo di fatto guidato da Áñez e la sofisticata plutocrazia elettorale cilena guidata da Piñera erano ugualmente incapaci di contenere il malcontento popolare. Trent’anni di governi moderati della “Concertación” e della destra cilena – presentati come modello da seguire per i loro connazionali latinoamericani – non hanno risolto i problemi sociali o democratici lasciati dalla dittatura di Pinochet. Allo stesso modo, la mancanza di proposte e di capacità della destra boliviana, che quindici anni dopo è ricaduta sulle sue formule fallite, è stata evidenziata dalle dimissioni dell’ex presidente Mesa (vicepresidente del “gringo” Sánchez de Lozada) e dalla proposta razzista dello sciovinismo cruceño. Per valutare, che la brutale repressione subita dalla mobilitazione popolare dei due popoli un anno fa e il raffreddamento politico prodotto dalla pandemia ma sponsorizzato dalla destra in entrambi i Paesi, non ha fermato il processo sociale.

È giunto il momento di individuare alcune delle caratteristiche di queste due vittorie elettorali che, come abbiamo già detto, sono nate per le strade. La Bolivia ha messo a nudo per l’ennesima volta il marciume dell’OSA e soprattutto del suo attuale segretario Luis Almagro. Dopo un anno di dittatura che ha comportato la morte, la prigionia o l’esilio per molti leader, tra cui Evo Morales e García Linera, i risultati ribadiscono il trionfo del MAS-IPSP. Perché il trionfo di Evo con il 47% e non il voto schiacciante di Arce con oltre il 55% di frodi? Un anno di governo è stato rubato al movimento vincente e un anno di vita e di riforme sociali alle nazioni della Bolivia. La sfida di Arce, oltre a sviluppare la Costituzione del 2009 e a garantire il benessere sociale nel bel mezzo della crisi economica globale, sarà quella di controllare i due demoni antidemocratici che il 2019 ha dimostrato di non essere con il cambiamento: l’esercito e la magistratura, entrambi complici del colpo di stato e del governo di fatto di Añez.

D’altra parte, il trionfo del potere costituente in Cile ci costringe a confrontarlo con il caso colombiano. Importato dai neoliberali, il mal chiamato “miracolo” cileno è stato il modello da seguire in Colombia, copiando il suo disastroso sistema sanitario e pensionistico per renderci simili nella sua vergognosa disuguaglianza sociale. La Forza pubblica colombiana conserva ancora il sigillo di origine della Missione cilena e il suo gemellaggio nella Dottrina della sicurezza nazionale è evidente nel suo trattamento bellicoso della protesta sociale in entrambi i Paesi. Con l’esaurimento della “pupilla stellare”, si è esaurito lo stesso modello da seguire.

Il maggior successo dei settori alternativi e progressisti cileni è stato quello di individuare nella costituzione neoliberale della dittatura l’ostacolo da superare per una vera apertura democratica. Un compito rimandato di trent’anni è stato sostenuto da questa rinnovata generazione, vittima dei quasi 50 anni dell’esperimento dei Chicago Boys e di Pinochet. Dopo trent’anni di sospensione del potere costituito, il potere costituente non solo ripudia la carta di Pinochet, ma in legittima diffidenza verso la casta politica e i partiti tradizionali non accetta la proposta governativa di un organo misto per la riforma della costituzione e chiede una Convenzione costituente direttamente eletta. Si apre un processo costituente, e non solo l’elezione di un governo.

Le sfide di questo processo che si protrarrà fino al 2022 con l’approvazione della nuova Costituzione non sono poche e richiedono, oltre ad affrontare le potenti potenze di fatto del Cile (capitali e militari), la coesione dei settori alternativi nei progetti essenziali per introdurre nel nuovo quadro costituzionale, la corretta traduzione delle esigenze sociali in proposte politiche e normative, nonché per garantire maggioranze democratiche nella Convenzione che sarà eletta nell’aprile 2021. Per il momento, il Cile sembra mostrare che la lotta per raggiungere un nuovo patto costituzionale sta fornendo un terreno importante per lasciare alle spalle i partecipanti di questo vecchio ordine, un timore che in Colombia mantiene una buona parte del movimento democratico ancora attaccato alla già anacronistica Costituzione del 1991, che è neoliberale come quella cilena e mantiene un regime ancora più autoritario di quello del sud del Paese, mantenendo le ovvie proporzioni.

I popoli della Nostra America si stanno muovendo. È già bello vedere il respice polum in Colombia: guardando al Cile e alla Bolivia con i loro insegnamenti abbiamo il dovere di cercare il nostro Sud, prevedendo che nel febbraio 2021 raggiungerà l’Ecuador.

fonte: Las2Orillas

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: