Perché l’Occidente nasconde il modo in cui la Cina ha affrontato la pandemia?

I grandi “media” della comunicazione e alcuni settori politici dell’Occidente non mostrano ciò che sta accadendo in Cina perché tali fatti denunciano il fallimento del sistema che li sostiene, basato sull’assolutismo dell’economia di mercato, della proprietà privata e dell’individualismo come colonne di una struttura scaduta, parassita e criminale.

La Repubblica popolare cinese non solo ha controllato la pandemia anche senza il vaccino, ma è l’unica all’interno delle potenti economie che cresceranno quest’anno, circa il 2 per cento, secondo le stime del FMI. Inoltre, per queste ore ha annunciato al mondo di aver posto fine all’estrema povertà in un Paese con oltre 1,4 miliardi di abitanti, anticipando i propri obiettivi previsti per il 2021.

Il dispiacere di questi “mezzi” e del potere concentrato dell’Occidente si moltiplica man mano che questi meriti si ottengono nel Paese orientale, quando gran parte del mondo si dibatte fra povertà, disoccupazione e la resistenza dei settori più ricchi a condividere parte del patrimonio accumulato grazie ai loro legami con i governi dittatoriali e al lavoro di milioni di persone.

Ma forse ciò che li fa disperare di più è che questi miglioramenti, che non si possono nascondere agli occhi del mondo, sono stati realizzati in un paese che rappresenta un quinto della popolazione mondiale ed è governato per 71 anni da un partito comunista. Non possono accettare che il 90 per cento della popolazione riconosca il lavoro di quel partito e mostri fiducia nella sua gestione.

Lasciate che parlino i fatti

Come è noto, la pandemia è sorta nella città della provincia di Wuhan Hubei nel gennaio di quest’anno. Si suppone che la “molecola” sia migrata dai pipistrelli all’uomo.

Dopo i primi giorni, in cui le autorità hanno reagito con lentezza e in disaccordo tra di loro, lo Stato, la leadership e la militanza del partito hanno preso in mano la situazione. In dieci giorni sono stati istituiti due ospedali per prendersi cura degli infetti, l’uso del protettore naso-orale è stato dichiarato obbligatorio, migliaia di volontari sono stati mobilitati per assistere la popolazione vulnerabile (la Cina ha 90 milioni di membri del Partito Comunista), una forte quarantena è stata imposta in diverse città, tutti i progressi tecnologici erano disponibili al servizio della comunità (sistemi di controllo della temperatura , controlli del codice QR, ecc.), le fabbriche sono state riattivate per produrre input che migliorano l’assistenza, milioni di test sono stati eseguiti e il follow-up ai contatti delle persone infette è diventato rigoroso. Sono state assistite anche piccole e medie imprese con crediti agevolati, sono state sospese le riscossioni di imposte sulla popolazione e “messe in quarantena” sono state assistite con servizi di cibo e droga alle porte delle loro case. Ha collaborato con donazioni a paesi severamente colpiti dal fenomeno: Italia, Francia, Spagna, Brasile, Argentina, Laos, Cuba, Venezuela, ecc. Ora, il Paese è pronto ad affrontare  una possibile seconda ondata della malattia. Oggi la Cina ha circa 95.000 infetti e 4730 morti, che la classifica al 46 ° posto tra i Paesi più colpiti.

Non è stato un miracolo, ma un’organizzazione, uno Stato attivo al servizio della popolazione con il più grande sistema di sicurezza sociale del mondo, tecnologie all’avanguardia (sistema 5G e 6G), responsabilità sociale, solidarietà comunitaria e internazionale e militanza politica consapevole.

La responsabilità sociale in Cina, come in Giappone e in altre società orientali, è naturalizzata, viene dal fondo della sua storia, tanto che l’esercizio di qualsiasi diritto individuale non può contraddire il collettivo. Pertanto, a partire da marzo, gran parte dell’attività pre-pandemia è stata recuperata. Oggi si stima che il 95% dell’attività economica e della vita sociale sia tornato ai valori standard.

Cioè, mentre in Occidente si trattava di stabilire se la vita o l’economia dovesse essere prioritaria, in Cina non c’era dubbio: la vita è stata ritenuta prioritaria e di conseguenza anche l’economia è stata riattivata più velocemente.

Ma non è tutto, quando il mondo sta riponendo le sue speranze nel vaccino salvifico, le autorità cinesi hanno appena annunciato che nonostante l’anno difficile in corso è stato in grado di porre fine alla povertà estrema. Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha annunciato il 24 novembre la fine di questa piaga negli ultimi sette distretti della provincia di Gansu, nel nord-ovest del paese, e nove della stessa categoria nella provincia di Guizhou. Ciò si è concluso con il compito a livello nazionale. La notizia è stata pubblicata lo stesso giorno dall’agenzia di stampa Reuters. La valutazione della Cina sulla “povertà estrema” si basa sugli standard pubblicati dalla Banca mondiale. È importante ricordare che in Cina si sono verificate le carestie derivanti da siccità e inondazioni, che hanno causato tra i 20 e i 30 milioni di vittime ogni volta che si sono verificate. Questo fenomeno era presente fino al 1962. Oggi non ci sarà più un ragazzo o una ragazza che va a dormire senza mangiare o vivere per strada.

Ciò contrasta con la realtà del Paese più ricco del mondo dove il 13% della sua popolazione è sotto la soglia di povertà, dove per il terzo anno consecutivo cala l’aspettativa di vita, dove si sommano più di 250mila persone decedute da Covid 19 e dove la vita di un uomo di colore rappresenta “i tre quinti di quella di un uomo bianco”.

Questo modello “occidentale e cristiano” è chiaramente un fallimento scioccante, quindi noi argentini possiamo attestare che, nonostante abbiamo enormi risorse naturali e umane, eppure abbiamo più del 40 per cento di povertà e circa il 10 per cento di miseria, il che significa vergogna e un insulto all’intelligenza. Ci sarà, forse, che si prendono i sistemi più noti e si inventa qualcosa di nuovo per costruire un mondo migliore, ma i fatti sono in vista per chiunque voglia vederli, anche se i “Media” concentrati non lo sanno.

di Ruben Guzzetti

Fonte: El País Digital

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: