Nuovo piano americano per attaccare il Nicaragua

Importante articolo sul nuovo piano americano per attaccare il Nicaragua. Il documento espone il nuovo complotto degli Stati Uniti per rovesciare il governo socialista eletto del Nicaragua.

Un nuovo documento inquietante delinea i piani per un piano di cambiamento di regime degli Stati Uniti contro il governo di sinistra del Nicaragua, controllato dall’USAID, per raggiungere una “economia di mercato” e l’epurazione dei sandinisti.

Un documento pubblicato di recente espone un’operazione del governo degli Stati Uniti per rovesciare il governo socialista democraticamente eletto in Nicaragua.

Il complotto è gestito dall’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID), un veicolo per il cambiamento di regime che utilizza la pretesa di “aiuti umanitari” per promuovere gli aggressivi interessi di politica estera di Washington.

Il documento (PDF) descrive in dettaglio la creazione di un nuovo “ordine di lavoro” chiamato Response Assistance in Nicaragua (RAIN) e il suo piano per “la transizione del Nicaragua verso la democrazia”, un eufemismo per rimuovere dal potere il Fronte di Liberazione Nazionale Sandinista di sinistra (comunemente noto come FSLN).

Nelle pagine, l’agenzia governativa statunitense usa la retorica neoconservatrice, riferendosi al governo eletto del Nicaragua come “regime Ortega” e chiarendo che Washington vuole installare un’amministrazione neoliberale che privatizzerà l’economia, imporrà riforme neoliberali ed eliminerà tutte le istituzioni da ogni traccia del movimento sandinista di sinistra.

Lo schema di cambiamento di regime dell’USAID afferma apertamente che uno dei suoi principali “obiettivi della missione” è che il Nicaragua “faccia la transizione verso un’economia di mercato basata sulle regole” basata sulla “protezione dei diritti di proprietà privata”.

Il documento conclude invitando il futuro regime statunitense in Nicaragua a “ricostruire le istituzioni” e a “ristabilire” l’esercito e la polizia; a “smantellare le istituzioni parallele” che sostengono il Fronte Sandinista; a perseguire i leader del FSLN attraverso “misure di giustizia di transizione”, cioè una profonda epurazione del movimento sandinista per evitare che ritorni al potere.

Nel caso in cui non fosse abbastanza esplicito che l’obiettivo di Washington era il cambiamento di regime, il documento USAID di 14 pagine ha usato la parola “transizione” 102 volte, di cui nove volte solo nella prima pagina.

USAID ha dichiarato la sua intenzione di assistere in quella che potrebbe essere una “transizione ordinata” o una “transizione improvvisa senza elezioni”, che è un chiaro codice per un colpo di stato.  Allo stesso tempo, ha riconosciuto che l’opposizione di destra del Nicaragua è divisa e ha poche possibilità di vincere le prossime elezioni nazionali nel 2021.

USAID supervisiona un altro tentativo di colpo di stato di estrema destra in America Latina
Da quando il Fronte Sandinista è tornato al potere in Nicaragua con le elezioni democratiche del 2006, Washington è decisa a cercare di rovesciarlo.

Nel 2018, l’amministrazione Donald Trump ha sostenuto un violento tentativo di colpo di stato in Nicaragua, in cui bande di estrema destra si sono impadronite dei quartieri e hanno paralizzato il Paese con barricate sanguinose note come tranche.  Gli insorti sostenuti dagli Stati Uniti hanno scatenato un regno di terrore, uccidendo e ferendo centinaia di attivisti sandinisti e forze di sicurezza statali; marcando le case degli attivisti di sinistra, saccheggiando e bruciando alcuni; torturando e minacciando i sostenitori del governo eletto.

Quando il tentativo di colpo di stato del 2018 fallì, il governo statunitense ricorse a una serie di tattiche aggressive per rovesciare la leadership del Nicaragua.  Negli ultimi due anni, l’amministrazione Trump ha imposto diverse serie di sanzioni soffocanti alla piccola nazione centroamericana, spesso con il sostegno bipartisan al Congresso, non una parola di opposizione da parte del Partito Democratico, e il tifo dell’industria multimilionaria dei diritti umani.  .

L’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale è stata determinante nei violenti tentativi di colpo di Stato dell’amministrazione Donald Trump contro il governo eletto del Venezuela nel 2019, lavorando direttamente con il Dipartimento della Difesa.  L’USAID ha investito centinaia di milioni di dollari per finanziare gli sforzi di cambiamento di regime degli Stati Uniti contro il governo di sinistra Chavista e ha finanziato il regime di colpo di stato di Juan Guaidó, sostenuto da Trump.

L’USAID ha sempre funzionato come una separazione dalla CIA e come un braccio di soft power per Washington.  Ma sotto l’amministrazione Trump, ha spinto i suoi sforzi di colpo di stato in America Latina ad un ritmo sempre più veloce.

Nell’aprile 2020, USAID è stato rilevato dal direttore de facto John Barsa, un uomo d’affari repubblicano, alleato di Trump e figlio di immigrati cubani anticomunisti.  In coordinamento con il Segretario di Stato e l’ex direttore della CIA Mike Pompeo, Barsa ha trasformato l’USAID in un’arma potente per il cambio di regime, finanziando apertamente i colpi di stato contro i governi socialisti di Cuba, Venezuela e Nicaragua.

Il Governo degli Stati Uniti d’America, Democracy International, pubblica la lista dei posti di lavoro per l’USAID  in Nicaragua
Grayzone ha contattato l’USAID per chiedere conferma dell’autenticità del documento che descriveva i suoi piani per una “transizione” politica in Nicaragua.  L’agenzia non ha risposto.

Tuttavia, siamo stati in grado di raccogliere prove che dimostrano la legittimità del documento.  Per cominciare, i metadati nel file PDF mostrano che l’autore originale era la divisione moduli della General Services Administration (GSA) del governo degli Stati Uniti, che sovrintende alla logistica di USAID e di altre agenzie.

I metadati nel documento USAID PDF mostrano che è stato scritto dal governo degli Stati Uniti.
Ancora più avvincente, le pagine che spiegano la trama del cambio di regime usano esattamente lo stesso linguaggio e le stesse frasi di un elenco di articoli pubblicati a fine luglio da un’altra organizzazione finanziata dal governo statunitense, Democracy International.  In effetti, il documento USAID sembra essere una descrizione più dettagliata del lavoro per questa pubblicazione.

Democracy International ha dichiarato nel suo elenco LinkedIn che cercava un cittadino nicaraguense nella capitale Managua per lavorare come “Senior Technical Expert – Democracy, Human Rights and Governance per fornire supporto tecnico e programmatico all’USAID/Nicaragua Response Assistance in Nicaragua (RAIN).

Facendo eco direttamente dal documento dell’USAID, l’elenco dei compiti di Democracy International ha affermato che “lo scopo del Task Order è quello di fornire un’assistenza tecnica e analitica rapida, reattiva e pertinente che unisca gli sforzi di USAID/Nicaragua per creare le condizioni per una transizione pacifica verso la democrazia in Nicaragua e per sostenerla”.

Questo dipendente contribuirebbe a sviluppare un “Piano di risposta alla transizione”, uno schema di cambiamento di regime.  (La breve lista dei lavori utilizza il termine “transizione” 10 volte).

Durante la Guerra Fredda, lavori di coordinamento di colpi di stato come questi sarebbero stati organizzati di nascosto con la CIA.  Tuttavia, nel XXI secolo spensierato, questo sporco lavoro di cambiamento di regime viene svolto apertamente e annunciato pubblicamente su LinkedIn.

Nel caso non fosse chiaro quale fosse il rapporto di questa organizzazione con l’USAID, ha dichiarato chiaramente nel post: “Democracy International, Inc. (DI) fornisce assistenza tecnica, servizi di analisi e implementazione di progetti per la democrazia, i diritti umani, la governance e i programmi di mitigazione dei conflitti in tutto il mondo per l’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID), il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e altri partner di sviluppo.

L’elenco delle mansioni prevedeva esplicitamente che il dipendente avrebbe collaborato con il governo degli Stati Uniti per fornire “consulenza tecnica e conoscenza del paese ai ministeri del GON (governo del Nicaragua), dell’USG (governo degli Stati Uniti) e ad altre parti interessate”.

Chiaramente, Democracy International sta cercando una persona di contatto locale per aiutare a portare avanti gli sforzi di Washington per il cambiamento di regime sul campo.  Il documento USAID descriveva in dettaglio la strategia di destabilizzazione specifica che questo collegamento avrebbe seguito.

Grayzone ha chiamato l’ufficio di Democracy International con una richiesta di commenti sulla lista dei lavori di LinkedIn, il programma RAIN e il documento USAID.  Una segretaria non ci permetterebbe di parlare con un membro specifico del team internazionale, dicendo semplicemente: “Informeremo le persone interessate che abbiamo ricevuto una telefonata e potrò dare loro il tuo nome e il tuo numero e ti richiameranno.

La segretaria chiese se il Grayzone aveva una domanda specifica a cui rispondere.  Abbiamo detto: “I media locali del Nicaragua hanno criticato il programma RAIN di USAID, descritto nel documento di lavoro di Democracy International, e lo hanno caratterizzato come quello che sembra essere un tentativo di orchestrare un colpo di stato nel paese. Può rispondere a questa caratterizzazione e pensa che sia giusto o ingiusto?” La segretaria di Democracy International ha risposto: “Wow, è così interessante.  Farò sicuramente sapere loro che hai chiamato”.

Democracy International non ha mai richiamato. Il piano di cambiamento di regime dell’USAID per la “transizione” del Nicaragua verso un'”economia di mercato”.
Il piano di assistenza di risposta
In Nicaragua (RAIN) USAID chiarisce che è solo un “ponte a breve termine” per ottenere un cambiamento di regime nel paese, e aggiunge: “L’intenzione di USAID è di seguire RAIN con programmi a più lungo termine, che saranno determinati con l’evolversi della crisi.Il quadro del cambiamento di regime ha delineato un “Obiettivo 2” in cui “il Nicaragua fornisce la base per la futura crescita economica e l’aumento degli scambi commerciali attraverso la transizione verso un’economia di mercato basata su istituzioni normative trasparenti e responsabili, stabilità fiscale e monetaria, rispetto dello stato di diritto e protezione dei diritti di proprietà privata”.

Un “mission statement” complementare ha sottolineato il desiderio dell’USAID di un nuovo regime neoliberale in Nicaragua che “lavora con il settore privato per ricostruire le istituzioni e una burocrazia amministrativa efficiente ed equa”, in altre parole, la privatizzazione di massa.

(Tra i presunti reati commessi dal “regime” nicaraguense, l’USAID elenca la “confisca dei beni”)

Il documento USAID descriveva altre priorità statunitensi per il Nicaragua dopo un’operazione di cambio di regime riuscita.

L'”Obiettivo della Missione 3″ di USAID sarebbe “Riforma della sicurezza e ricostruzione delle istituzioni” per “ristabilire forze di sicurezza indipendenti e professionali”.  Questo è chiaramente un appello a eliminare la polizia e l’esercito dei sandinisti leali e a far entrare gli addestratori statunitensi per istituire una forza di sicurezza in stile neocoloniale, proprio come ha fatto il generale Keith Dayton nella Cisgiordania occupata dopo l’estinzione della resistenza palestinese dopo la Seconda Intifada.

Il “nuovo governo deve agire rapidamente per smantellare le istituzioni parallele”, aggiunge USAID.  Questo è un indizio indiretto del fatto che Washington cerca di distruggere il Fronte Sandinista, la Gioventù Sandinista e altre istituzioni di base che lavorano con ma sono indipendenti dall’attuale governo socialista.  Nella sua forma più severa, una proposta del genere potrebbe equivalere a un’epurazione della sinistra in Nicaragua nello stile di Augusto Pinochet.

“Inoltre, dovrebbe attuare misure di giustizia transitoria”, ha aggiunto il documento USAID.  Questo linguaggio, che è stato usato anche nella guerra per procura contro la Siria, suggerisce che il nuovo governo neoliberale del Nicaragua sarebbe stato costretto a perseguire i funzionari del Fronte Sandinista, facendo eco alla strategia che i regimi di destra sostenuti dagli Stati Uniti in Bolivia e in Ecuador hanno usato per criminalizzare gli Stati Uniti.  I partiti di sinistra che in precedenza governavano quei paesi perseguitano gli ex leader della sinistra e imprigionano i funzionari dell’opposizione con accuse dubbie.

Un’altra parte importante del lavoro di RAIN comprenderebbe il reclutamento di coordinatori nativi del colpo di stato per aiutare a portare avanti la trama del cambio di regime.  USAID ha descritto questa responsabilità come segue: “Identificazione di potenziali partner nicaraguensi per sovvenzioni a impatto rapido in ordine di lavoro per promuovere le attività legate alla transizione.

L’iniziativa ha stanziato 540.000 dollari in sovvenzioni per attirare i gruppi dell’opposizione nicaraguense a favore del cambiamento di regime (nel secondo paese più povero dell’emisfero occidentale, dove il salario minimo è compreso tra i 200 e i 300 dollari al mese, mezzo milione di dollari non è un importo irrilevante).

Questi fondi andrebbero ad integrare i milioni di dollari che USAID e NED danno ogni anno alle organizzazioni di destra nicaraguensi.

Il documento USAID insisteva sul fatto che “il futuro immediato del Nicaragua rimane molto incerto.  Tuttavia, ha riconosciuto che l’opposizione di destra è divisa e impopolare, ammettendo che la sua leadership non è stata “unita attorno a un solo partito o candidato”.

Tenendo conto della debolezza dell’opposizione di fronte alle elezioni nazionali del 2021, il piano USAID descrive tre scenari per il rovesciamento del governo socialista e una “transizione” verso un regime neoliberale favorevole agli Stati Uniti.

Il primo è uno “scenario di transizione ordinata”, una situazione improbabile in cui un gruppo di opposizione impopolare sostenuto dagli Stati Uniti riesce in qualche modo a vincere le elezioni.

Il secondo potenziale scenario di cambiamento di regime è descritto come una “transizione improvvisa e inaspettata”, in cui “una o più crisi politiche, come un’elezione improvvisa o fallita, le dimissioni presidenziali, una grave crisi sanitaria, un grave disastro naturale o conflitti interni, portano a un’improvvisa crisi di regime e alla transizione verso un governo provvisorio o un nuovo governo”.  Questa è l’opzione del colpo di stato, e USAID chiarisce che sarebbe più che felice di una tale situazione, e vuole che il suo collegamento con RAIN si prepari ad affrontarla.

Il terzo è uno “scenario di transizione ritardata”, in cui il governo sandinista rimane al potere.  In questo caso, USAID dice che la RAIN aiuterebbe a destabilizzare il governo in altri modi e porterebbe a futuri cambiamenti di regime.

Ma USAID non voleva che i lettori avessero un’impressione sbagliata.  Nel documento sottolineava che il suo colpo di stato sarebbe stato “sensibile al genere in conformità” e basato su “un lavoro analitico informato sul genere”.  (Anche se le donne che costituiscono il grosso della base sandinista dovrebbero essere escluse dalla “transizione politica” risvegliata di Washington).

Il documento dell’USAID ha bilanciato il suo linguaggio liberale sul genere con la retorica neoconservatrice che afferma: “Le cattive influenze straniere, soprattutto Cuba, Venezuela e Russia, continueranno a cercare di rafforzare il corrotto regime autocratico di Ortega.

“E se il Nicaragua lo facesse negli Stati Uniti?”
L’esistenza del documento di cambiamento di regime dell’USAID è stato riportato per la prima volta il 31 luglio nel popolare programma radiofonico e video Nicaragua Sin Fronteras, condotto da William Grigsby Vado.

Grigsby, un personaggio di spicco dei media di sinistra con un grande seguito alla base del Fronte Sandinista, ha condannato il complotto americano.  “Il documento è nauseante, il documento; doverlo leggere è difficile”, diceva indignato.  “Bisogna avere un fegato forte per sopportarlo.  Mi ha fatto molto male”.

“Che diritto ha il governo degli Stati Uniti di assumere una società per sovvertire la legge e l’ordine in qualsiasi paese?” Grigsby era furioso.  “Questo è un intervento plateale.  Lo facevano con i militari; in questo caso lo fanno sovvertendo la legge e l’ordine e finanziando le attività dell’opposizione politica. È inaccettabile! ”

“Cosa succederebbe se il Nicaragua lo facesse negli Stati Uniti, se per esempio Daniel Ortega dicesse: ‘Ehi, andiamo ad aiutare i manifestanti a Portland'”, ha aggiunto.  “Ma si riservano il diritto di agire contro le istituzioni democratiche di un paese.

Grigsby ha concluso condannando “l’imperialismo statunitense” e criticando le figure dell’opposizione nicaraguense che partecipano a questo schema di cambiamento di regime.

“Ognuno può fare una di due cose”, ha tuonato all’opposizione. “Segui le regole della democrazia, accetta la tua sconfitta e gioca il gioco politico.  Oppure si può semplicemente rimanere traditori, sicari e traditori”.

Il documento USAID mostra Washington che spinge quest’ultima opzione e conduce il Paese in un conflitto sempre più profondo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: