Lopez, il Mandela venezuelano?….ha….ha….ha

Pablo Casado, leader del Partito Popolare (PP) in Spagna, caratterizzato dalla sua ideologia di destra e antipopolare (il lettore ricorda gli anni sfortunati trascorsi dagli spagnoli con Aznar e Rajoy, il cui partito si è macchiato da diversi atti di stupefacente corruzione); Santiago Abascal, leader del partito VOX (recentemente schiacciato dal Congresso dei deputati spagnoli), la roccaforte dell’estremismo fascista spagnolo; Alberto García Marrder, giornalista honduregno di destra che vive all’estero; El País, El Mundo e El Nacional, tutti giornali della destra spagnola, concordano su una brutta battuta: Paragonano Leopoldo Lopez, l’evaso venezuelano, a nientemeno che Nelson Mandela.

Che scherzo! López il Mandela venezuelano, il Mandela creolo. Forse quello che va chiarito come primo passo è che tutti questi partiti di destra spagnoli, i giornali che ne sono i portavoce e i loro giornalisti e opinionisti che sono anch’essi di destra, hanno puntato i riflettori su Mandela mentre era in prigione e gli Stati Uniti d’America lo hanno messo, per più di tre decenni, nella lista dei comunisti pericolosi per l’umanità. Mandela era infatti un comunista, perché lui, come tutti gli uomini sulla terra che sono vincolati dalla Carta universale dei diritti dell’uomo, ha il perfetto diritto di pensare come vuole, e perché non è la stessa cosa essere comunista che essere un terrorista, un razzista, un misogino, un fascista, un sostenitore dell’imperialismo americano che abusa della gente e dell’apartheid, o di Hitler e dei suoi soci Mussolini e Franco.

Se guardate i due personaggi come se fossero uccelli, vedrete che c’è una sola coincidenza tra loro: entrambi erano prigionieri. Ma questa coincidenza porta con sé anche differenze sostanziali: Mandela proveniva da un ambiente povero e lottava per la liberazione del suo popolo dal terribile sistema dell’apartheid. In carcere ha subito umiliazioni, maltrattamenti, torture ed è stato sottoposto a lavori forzati. È stato anche rinchiuso in una cella di circa quattro metri quadrati con un materasso come letto, un tavolo e una tazza. Il suo rilascio è avvenuto a seguito delle pressioni della popolazione mondiale, e perché il Sudafrica e i razzisti bianchi hanno subito una vergognosa sconfitta militare da parte dell’Angola e di Cuba che li ha costretti a rilasciare Mandela e a indire le elezioni in cui Mandela è stato eletto presidente. Sono stati in prima linea nella lotta mondiale per la liberazione di Mandela, Cuba, l’Unione Sovietica, i paesi socialisti, la Cina e i popoli che lottano per la libertà in tutto il mondo. I franchisti spagnoli di destra che oggi vogliono fare una caricatura della gloriosa figura di Mandela, paragonandolo alla figura del “cachinflín” Leopoldo López, non si sono visti in quella campagna. Questi franchisti di destra hanno come premio l’assassinio di García Lorca e Miguel Hernández: questa è la libertà che difendono: quella delle tombe.

Lopez, membro di una casta che non governava il Venezuela e lo consegnò alla dominazione yankee, al contrario, era in carcere per aver provocato le gurimbas in Venezuela che hanno portato alla distruzione di proprietà, ma la cosa più grave: nella perdita di molte vite di oppositori, innocenti, sostenitori di Maduro e agenti di polizia; ha anche partecipato al fallito colpo di stato contro il presidente Chavez sostenuto dall’OSA e dall’amministrazione yankee, è fuggito dagli arresti domiciliari per partecipare a un altro tentativo di colpo di stato e si è poi rifugiato nell’ambasciata franchista in Spagna. Nella prigione viveva in una specie di suite, con tutti i comfort, compresa la televisione, riceveva visite da parenti e amici e cibo speciale. Quello che non so è se in casa sua, quando è stato imprigionato in casa, Lopez è stato confinato in una stanza di 2 metri per 2. In questo caso il colpevole è Liliam Tintori, sua moglie.  A Mandela, invece, erano consentite solo due visite di 30 minuti all’anno da parte della moglie.

Casado ha sottolineato che López sapeva cos’è la libertà quando è stato rinchiuso in una cella di due metri per due metri, e si è riferito a López come “il Mandela del Venezuela” e come “una persona che sarà fondamentale nella storia di questo Paese (Venezuela)”, per continuare a difendere questa causa fondamentale dopo tutto quello che ha sofferto, dalla tortura, dalla prigionia repressiva. Solo un destrorso razzista può dire tante bugie o ripetere le bugie che López gli ha detto: non è mai stato rinchiuso in una cella di due metri per due (Mandela sì), López non è mai stato torturato (Mandela sì), López non lotta per la libertà del Venezuela, ma piuttosto per ripresentarlo allo stivale degli Stati Uniti che cerca di riprendere il controllo del petrolio dei figli di Bolivar e di soddisfare i desideri del traditore Luis Almagro, il suo principale alleato del colpo di stato (ricordate la Bolivia). Gli Stati Uniti monroisti e razzisti Trumpisti che considerano l’America Latina il loro cortile di casa sono gli sponsor di López, non perché sono interessati a stabilire una qualsiasi democrazia in Venezuela, che ha già scelto i suoi leader, ma per tornare al saccheggio spietato delle ricchezze naturali della nazione bolivariana. La Spagna sostiene di essere il giudice elettorale del Venezuela in flagrante violazione del diritto all’autodeterminazione sancito dall’ONU.

López è a Madrid come un pesce nell’acqua. L’unica pietra nella sua scarpa è Pablo Iglesias e il suo partito Unidos Podemos con tutta la militanza. Con il presidente, un cosiddetto socialista, Pedro Sanchez, Lopez dice: “Abbiamo avuto un incontro… molto cordiale. Vedo in Sánchez molta empatia per la causa del Venezuela”, mentre rimprovera Iglesias: “Chi non vede Maduro come un dittatore, dovrebbe rivedere la sua idea di democrazia. A quanto pare, questo consiglio di Lopez, rivolto al suo sostenitore ideologico e finanziario, il signor Trump, è il suo falso paradigma di libertà, democrazia e rispetto dei diritti umani. Leopoldo López non è sfuggito alle grinfie di Maduro, è sfuggito alla giustizia in complicità con il regime di Franco, è un fuggitivo che continua a commettere crimini in nome del clown Guaidó -un leader assunto per il palcoscenico-, quello che si dichiara presidente ma non esercita a nessun livello e non amministra nessun paese. È presidente solo per Trump e per i suoi sudditi nell’Unione Europea, compreso il governo di Pedro Sánchez che, in queste mosse contro gli sforzi del Venezuela per essere indipendente dal potere imperialista degli Stati Uniti, è legato al Partito Popolare, Ciudadanos e VOX, la più deplorevole destra della Spagna di Franco. Con chi dovrebbero paragonare López? Con l’attuale re Juan Carlos, anch’egli latitante e appena accusato di corruzione.

Lopez, il Mandela del Venezuela? Basterebbe che fosse proclamato il Bolivar dalle sue truppe spagnole per rendere lo spettacolo circense più attraente e ridicolo. Eterna gloria a Nelson Mandela che non ha nulla a che fare con i clown a noleggio.

Tegucigalpa, 3 novembre 2020.

Víctor Manuel Ramos

Traduzione: patriagrande.it

Filmato da: Cubainformación

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: