Il Regno Unito finanzia operazioni di “cambio di regime” in Venezuela

Proprio come ha fatto contro la Siria.

Il governo britannico è stato uno dei principali attori nel finanziamento delle operazioni di “cambio di regime” in Venezuela. Mai menzionato quanto Washington e le sue aggressioni dirette e indirette, il ruolo di Londra è più esposto con l’insediamento del falso governo guidato dal deputato uscente Juan Guaidó grazie alle rivelazioni che sono state fatte nel corso delle operazioni (estese più del previsto a causa del fallimento delle operazioni in territorio venezuelano).

In questa occasione, il collegamento tra il governo britannico e la formazione della cosiddetta Coalizione anticorruzione, un gruppo di oltre 700 organizzazioni venezuelane affiliate all’anti-Chavismo e all'”Operazione Guaidó”, che presumibilmente sarebbe interessato a promuovere iniziative “per porre fine ai problemi strutturali profondamente radicati in questo paese (Venezuela) che durano da quasi due decenni”, hanno dichiarato i giornalisti Matt Kennard e John McEvoy in un rapporto investigativo per la Declassified UK.

Il Foreign and Commonwealth Office britannico ha confermato al duo di giornalisti britannici di aver fornito quasi mezzo milione di sterline (equivalenti a oltre 650.000 dollari USA) a Transparencia Venezuela, un’affiliata di Transparencia International (TI), per creare e mantenere la Coalizione anticorruzione.

All’inizio del 2019 e parallelamente alla legittimazione del falso interim di Guaidó, il Ministero degli Esteri britannico ha dato ai gruppi cospiratori 250.000 sterline per fondare la coalizione. Ha poi trasferito altre 200.000 sterline “per rafforzare la sostenibilità della coalizione”, un budget stimato per coprire le spese per il periodo da marzo a dicembre 2020.

Il finanziamento è stato fornito attraverso il Fondo per i conflitti, la stabilità e la sicurezza (CSSF). Oltre 1 miliardo di sterline viene assegnato ogni anno a questo fondo istituzionale britannico “per affrontare i conflitti e l’instabilità all’estero”.

Nel luglio 2019, ha concesso circa 22,5 milioni di dollari ai media dell’Europa orientale per “combattere la disinformazione e le notizie false in Europa orientale e rafforzare i media indipendenti nei Balcani occidentali”. Con questa giustificazione, il governo britannico sta dando potere ai media che stabiliscono narrazioni anti-russe, nel tentativo di fratturare l’influenza di questo potere nella propria regione.

Ma nel caso venezuelano, non c’è stato alcun annuncio pubblico dei piani, anche se, quando è stato indagato dalla Declassified UK, il Ministero degli Esteri britannico ha difeso i finanziamenti della coalizione per i suoi presunti obiettivi di lotta alla “corruzione e alla criminalità organizzata in Venezuela”.

Il finanziamento è elencato solo in un programma della CSSF intitolato “Grave criminalità organizzata”. Perù / Colombia”. Il documento fornisce una sintesi del programma e dedica qualche parola alla Coalizione anticorruzione: “Il programma finanzia per la prima volta anche un’attività sia a Panama che in Venezuela (…) In Venezuela, sarà realizzato un progetto incentrato sulla resistenza della società civile alle pratiche statali corrotte”.

Quel “progetto anticorruzione” riceverebbe, secondo il budget pubblicato dalla CSSF, 0,3 milioni di sterline tra aprile 2019 e marzo 2020. Finora, il governo britannico si è rivelato essere l’unico finanziatore della Coalizione anticorruzione che opera in Venezuela.

LA CSSF E IL SUO FINANZIAMENTO DEI TERRORISTI IN SIRIA

Un articolo della giornalista argentina Alejandra Loucau pubblicato su Sputnik Mundo descrive il rapporto tra Avvocati e medici per i diritti umani (LDHR), una ONG siriana anti-Assad, e il governo britannico. Ora che le rivelazioni sul Venezuela stanno venendo fuori, si scopre che entrambe le operazioni condividono l’origine dei loro fondi.

L’11 marzo 2019, il Washington Post ha pubblicato un articolo che accusa il governo di Bashar Al-Assad di violazioni dei diritti umani contro i prigionieri in Siria. Per convalidare il testo di propaganda, i media statunitensi si sono basati sui “dati” forniti da LDHR.

Nella ricerca sulla LDHR, Loucau ha trovato uno schema che sembra ripetersi nelle ONG per i diritti umani che operano all’interno di paesi con governi contrari agli interessi geopolitici dell’Occidente: una struttura con un numero diffuso di membri e finanziamenti, oltre a indagini lassiste, basate per lo più su “testimonianze anonime” e senza prove a sostegno.

Le vere informazioni importanti sulla costituzione di questa ONG sono state trovate sul sito web del governo britannico. Nel programma di finanziamento intitolato Transverse Court della Siria (2017-2018), la LDHR è elencata come principale organizzazione beneficiaria. Tuttavia, gli obiettivi di questo programma non sono la difesa dei diritti umani in Siria, ma “sostenere il miglioramento dell’immagine e della comunicazione dell’opposizione moderata”, un gruppo ad ampio raggio che comprende i terroristi del Fronte Al-Nusra (la cui organizzazione madre è Al-Qaeda).

Il Foreign Office del Regno Unito finanzia gruppi terroristici in Siria, come il Fronte Al-Nusra (Foto: Reuters)

Il programma menziona anche che un altro obiettivo è quello di preparare i rappresentanti “moderati” a una “transizione” in Siria.

Il budget totale stanziato per questo programma, secondo il documento, è di 6,5 milioni di sterline o 8,5 milioni di dollari. La LDHR non fa menzione di questo finanziamento su nessuno dei suoi siti web ufficiali.

Dopo aver appreso l’essenza di questa chiara operazione di “cambio di regime” (sotto copertura in cause civili) diretta dal governo britannico contro la sovranità della Siria, finanziando i terroristi attraverso, non sembra strano che il fondo da cui è stato erogato il denaro sia lo stesso che appare nel complotto cospirativo contro il Venezuela: il fondo britannico CSSF.

LA COALIZIONE E I SUOI MEMBRI

Il sito web della Coalizione anticorruzione non fornisce informazioni su chi gestisce il gruppo, e né il Foreign and Commonwealth Office del Regno Unito né l’Ambasciata britannica a Caracas hanno voluto rispondere a Declassified UK su questi dettagli. Tuttavia, si è appreso che il coordinatore nazionale è Yonaide Sánchez, professoressa dell’Universidad Centroccidental “Lisandro Alvarado” (UCLA), apertamente anti-Chávez e pro-Guaidó.

La Coalizione ha invitato Guaidó ad un evento intitolato “Dove stiamo andando” nell’agosto 2019, dove la narrazione stava già prendendo forma per respingere le elezioni parlamentari del 6 dicembre 2020 e rafforzare il percorso di criminalizzazione dello Stato venezuelano. Infatti, lì Guaidó ha fatto riferimento a “un possibile accordo” con la DEA, un’organizzazione che, ricordiamo, ha partecipato alla preparazione della fallita Operazione Gideón, nel maggio di quest’anno.

Fin dalla sua creazione, la Coalizione Anti-Corruzione ha seguito lo stesso formato di altre organizzazioni anti-corruzione che sottolineano che lo Stato venezuelano è stato travolto da attività di corruzione e, quindi, un approccio al problema dovrebbe essere seguito da entità straniere, in particolare quelle controllate dagli Stati Uniti e dai suoi principali partner europei, in modo che si possa trovare una soluzione reale.

Nella ricerca, Declassified UK cita quattro dei suoi membri della coalizione per spiegare i legami che ha con i gruppi anti-Chávez subordinati all’agenda del “cambio di regime” statunitense in Venezuela: il Thatcher Center, Superatec AC, Fetrasalud e l’Associazione Civile Súmate. I giornalisti ricordano che, ad esempio, Superatec AC ha ricevuto 80.000 dollari di finanziamenti da Citibank e Súmate, un’organizzazione di partito fondata da María Corina Machado, fa parte delle “organizzazioni civili” sovvenzionate dal National Endowment for Democracy (NED, noto anche come la vetrina legale della CIA), un fondo finanziato dal Dipartimento di Stato americano per le operazioni aperte di Washington all’estero.

TRASPARENZA VENEZUELANA

L’organizzazione a cui il Regno Unito ha delegato la formazione della coalizione e che riferisce trimestralmente al governo britannico sullo stato di avanzamento del suo lavoro, è una branca di Transparency International (TI), una ONG fondata nel 1993 che ha lo scopo dichiarato di “(tenere) i potenti e i corrotti sotto accusa, esponendo i sistemi e le reti che permettono la corruzione”.

Con sede a Berlino, i principali finanziatori di TI sono i governi degli Stati Uniti e del Regno Unito. 4,4 milioni di euro nel 2019, l’importo più alto concesso da qualsiasi governo in quell’anno; gli Stati Uniti hanno anche concesso

Tra i donatori privati, spicca la presenza delle società petrolifere (Shell e ExxonMobil) che, come è noto, fanno pressione per la perdita del controllo dello Stato venezuelano sugli idrocarburi presenti nel nostro Paese.

Per quanto riguarda Transparencia Venezuela, le verifiche fiscali effettuate dal 2005 mostrano l’ambasciata britannica a Caracas come uno dei principali finanziatori di questa affiliata TI.

Mercedes de Freitas, direttrice di Transparencia Venezuela, dice che l’organizzazione è apartitica, ma lei stessa ha guidato altre istituzioni finanziate dal NED e dal National Democratic Institute (NDI), un altro fondo statunitense. È il caso della Fondazione Moment of the People, un’organizzazione di monitoraggio legale che Freitas ha diretto.

Citando un articolo su The Nation, la ricerca di Declassified UK indica Freitas come uno dei contatti che il NED ha avuto con gli operatori del colpo di stato del 2002 in Venezuela. In una e-mail al fondo statunitense, Freitas avrebbe difeso i leader del colpo di stato e Pedro Carmona “sostenendo che l’acquisizione non era un colpo di stato militare.

Anche altri membri della ONG in Venezuela hanno forti legami anti-Chávez. Rocío Guijarro, del consiglio di amministrazione di Transparencia Venezuela, è stato direttore della CEDICE, un think tank finanziato dall’oligarchia statunitense Koch, legato al business petrolifero transnazionale. D’altra parte, Andrés Duarte e Miguel Bocco, anch’essi nel consiglio di amministrazione della ONG, sono legati alla Camera del petrolio venezuelana (CPV), un’organizzazione che rappresenta gli interessi dei gruppi imprenditoriali dell’industria petrolifera venezuelana.

Vale la pena di notare che Duarte è stato decorato nel 2016 con la nomina di Ufficiale dell’Ordine dell’Eccellentissimo Ordine dell’Impero Britannico, un ordine che ha ricevuto dall’ambasciatore britannico a Caracas in riconoscimento di lui e della sua compagnia, Duarte Vivas & Asociados, per “i loro servizi a favore delle esportazioni britanniche e il lavoro delle loro compagnie nello sfruttamento dei giacimenti di petrolio, gas e minerali non metallici”.

Un portavoce di Transparencia Venezuela ha detto ai giornalisti britannici che l’obiettivo della Coalizione da loro guidata non è quello di forzare la rimozione del governo di Nicolás Maduro, ma di “(chiedere) trasparenza nella gestione, con responsabilità, partecipazione dei cittadini e un sistema giudiziario che ponga fine all’impunità”, e che questo è il motivo per cui il governo britannico finanziava la Coalizione.

Ma Transparencia Venezuela ha anche il compito di coprire le azioni criminali che il falso governo di Guaidó ha commesso con le risorse che gli sono state date per pagare le operazioni di “cambio di regime” in Venezuela. Famoso è il caso noto come “Cucutazo”, dove, sulla base di un programma di colpo di stato anti-Chávez che cercava di aprire violentemente la strada ai mercenari per il passaggio del confine con la Colombia nel febbraio 2019, sarebbero state erogate ingenti somme di denaro per “aiuti umanitari” e logistica per i militari disertori del colpo di stato che finirono per essere “prostitute e alcolici”, secondo le parole dell’avversario di Guaidó e “ex ambasciatore” in Colombia, Humberto Calderón Berti.

L’ONG ha risposto alla richiesta di aiuto di Guaidó quando ha richiesto una “indagine” per determinare i fatti di quel piano di corruzione e lo ha assolto da tutte le accuse, ricevendo i ringraziamenti del team del deputato.

TRASPARENZA INTERNAZIONALE IN BRASILE

In Brasile, Transparency International ha agito in difesa di Lava Jato, un’operazione giudiziaria che ha costretto il licenziamento di Dilma, ha imprigionato Lula Da Silva e promosso l’acquisizione di Jair Bolsonaro, che ha adottato il vessillo della “lotta alla corruzione”.

Uno dei procuratori del Ministero Pubblico Federale (MPF) coinvolto nel gruppo di Lava Jato, Deltan Dallagnol, si è rivolto più volte a Bruno Brandão, direttore esecutivo del capitolo brasiliano di questa ONG, quando l’operazione Lava Jato aveva bisogno di sostegno per diventare legittima.

Nel 2017, ad esempio, il procuratore generale brasiliano ha chiesto a TI una strategia per mettere a tacere le voci che denunciavano l’impatto dell’operazione Lava Jato sull’economia brasiliana, e la ONG ha proposto una soluzione: uno studio per far sì che gli investitori stranieri accreditassero l’operazione “anti-corruzione” come positiva per l’economia del Paese.

In un’altra occasione, Brandão ha potuto rivedere la bozza di contratto che illustrava in dettaglio la creazione di una fondazione privata con risorse della compagnia petrolifera brasiliana Petrobras.

TI ha anche suggerito a Dallagnol che il MPF non dovesse far parte della fondazione privata che avrebbe ricevuto i grandi finanziamenti da una società che aveva dimostrato di essere danneggiata dalla corruzione. Dallagnol ha ignorato la ONG e gli avvocati del MPF, membri della Lava Jato, hanno accettato di controllare gli oltre 500 milioni di dollari che la Petrobras avrebbe consegnato a loro e al Dipartimento di Giustizia statunitense attraverso la fondazione multimilionaria.

L’impatto di questa decisione di Lava Jato in Brasile, ed essendo uno strumento giuridico-politico che stava già perdendo il suo sostegno, la fondazione è stata sospesa nel marzo 2019.

L’AMBASCIATA COSPIRATORIA DEL REGNO UNITO

L’indagine di Guaidó, nel Regno Unito, ricorda che Guaidó faceva parte della commissione per il disprezzo dell’Assemblea Nazionale che cercava di interagire con i gruppi di potere delle fazioni europee, e uno dei contatti era con l’allora ambasciatore britannico a Caracas, John Saville, con il quale si era incontrato in un evento sulla “trasparenza”. Mentre era in servizio come diplomatico in Venezuela, Saville era un appassionato delle iniziative della Volontà popolare, il partito anti-Chávez che comandava i gruppi violenti della tentata rivoluzione colorata del 2017 e da cui proviene l’autoproclamato vice presidente.

All’inizio di quest’anno, il quotidiano britannico The Canary, attraverso documenti ai quali ha avuto accesso grazie alla legge sulla libertà d’informazione, ha rivelato che è stata creata segretamente una “Unità di ricostruzione del Venezuela” presso il Ministero degli Esteri britannico, in cui Saville è stato assegnato come capo. Era incaricato di incontrare Guaidó con i funzionari britannici per concordare che, dopo un ipotetico scenario favorevole al cambio di regime, il governo imposto in Venezuela avrebbe promosso la partecipazione delle aziende britanniche nel Paese.

Il governo britannico è stato uno dei primi ad accettare nei media (senza rompere diplomaticamente con il governo legittimo di Nicolás Maduro) il falso governo di Guaidó e ha dato uno spazio non ufficiale all'”ambasciatrice” Vanessa Neumann, che da Londra ha lavorato per dare garanzie al Regno Unito dei frutti che la “strategia di Guaidó” darà loro. Da qui le raccomandazioni di Neumann all’autoproclamatasi che dovrebbe evitare la pretesa venezuelana di Esequibo per ottenere la continuità del sostegno del Regno Unito.

Anche se il bottino catturato dalla Banca d’Inghilterra paga già l’interferenza del governo britannico negli affari politici del Venezuela. Sono 31 tonnellate d’oro, equivalenti a 1,2 miliardi di dollari, che la banca londinese tiene nelle sue casse nell’ambito del blocco finanziario contro il Venezuela, mentre un tribunale britannico risolve la battaglia legale che il governo di Nicolas Maduro ha intrapreso per recuperare le risorse del Paese. L’ultima svolta è stata a favore del Venezuela, a seguito dell’annullamento di una sentenza che aveva riconosciuto Juan Guaidó come “presidente” del Venezuela.

Sull’attuale ambasciatore del Regno Unito a Caracas, Andrew Soper, Declassified UK nota che “ha servito come Primo Segretario a Washington DC tra il 1995 e il 1999, ed è stato esposto come informatore di ‘rigorosa protezione’ degli Stati Uniti in un cablogramma diplomatico statunitense del gennaio 2010 mentre era ambasciatore britannico in Mozambico”.

Nell’ottobre 2019, già in veste di ambasciatore in Venezuela (e mentre si stava lanciando la Coalizione anticorruzione con fondi britannici), Soper ha dichiarato che “Guaidó ha l’amicizia e il sostegno del Regno Unito”.

Recentemente, il ministro degli Esteri venezuelano Jorge Arreaza ha tenuto un incontro con Andrew Soper a Caracas. Entrambi i diplomatici hanno discusso la legge antiblocco recentemente emanata, volta a garantire lo sviluppo nazionale in condizioni di assedio finanziario.

E’ evidente che, nonostante le implicazioni dell’ambasciata britannica nel finanziare “organizzazioni civili” che rispondono all’agenda statunitense di “cambio di regime”, la diplomazia venezuelana non ha cessato di stabilire canali di comunicazione, e in tutta questa marea di ostilità segrete da Londra è riuscita a mantenere una rappresentanza diplomatica riconosciuta dal Regno Unito.

Il governo di Nicolás Maduro, come in altri scenari del conflitto venezuelano, sta conducendo la battaglia verso percorsi politici e realmente trasparenti e politici, costringendo questo attore governativo che rappresenta le corporazioni con interessi geopolitici nell’industria petrolifera venezuelana ad abbandonare, per un momento, le operazioni nascoste, e a farsi coinvolgere negli approcci delle istituzioni venezuelane.

Tuttavia, l’influenza esercitata dalle transnazionali attualmente raggruppate intorno agli Stati Uniti riporterà sempre il governo britannico nell’ombra della cospirazione, una questione che il Venezuela deve saper affrontare, nominando e facendo luce sui piani destabilizzanti e sui loro operatori nazionali e stranieri.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: