Evo Morales ricorda un tweet di Elon Musk sul colpo di stato in Bolivia e insiste: “È stato a causa del litio”

L’ex presidente, rovesciato nel 2019, ha sottolineato ancora una volta che lo sfondo dell’interruzione democratica è costituito dalle preziose materie prime della Bolivia.

Evo Morales ricorda un tweet di Elon Musk sul colpo di stato in Bolivia e insiste: “È stato a causa del litio”.

Impianto industriale di cloruro di potassio, nell’ambito di un programma sviluppato dalla Bolivia per la produzione di litio, nel Salar de Uyuni, il 7 ottobre 2018

David Mercado / Reuters

L’ex presidente boliviano Evo Morales ha dichiarato martedì, in una conferenza stampa davanti al Salar de Uyuni, che il colpo di stato che lo ha rimosso dalla presidenza nel 2019 è dovuto al litio, una delle risorse naturali più importanti del Paese multinazionale, che il suo governo intendeva industrializzare dallo Stato.

Così, nel bel mezzo del suo viaggio di ritorno nella sua nazione dopo aver trascorso quasi un anno in esilio a Buenos Aires, Argentina, il leader indigeno ha ricordato uno scambio tra il magnate Elon Musk e un utente di Twitter. Alla fine di luglio, un utente gli ha accennato che Washington aveva organizzato un colpo di stato contro Morales affinché l’uomo d’affari potesse ottenere il litio boliviano, e Musk ha risposto: “Colpiremo chi vogliamo!

Il politico ha interpretato questi detti come una prova delle motivazioni del suo rovesciamento. “Il proprietario di Tesla sostiene di aver finanziato il colpo di stato, solo per il litio. Negli Stati Uniti c’è grande preoccupazione per il litio, e questo colpo di stato è al litio”, ha sottolineato Morales il 10 novembre. Ha anche detto: “Non vogliono che diamo il valore aggiunto al litio come Stato, vogliono sempre che le nostre risorse naturali siano nelle mani delle multinazionali.

“La lotta dell’umanità è per il controllo delle risorse”

Con quel tono, il leader progressista ha sottolineato l’importanza della sovranità nella gestione delle materie prime: “La lotta dell’umanità è sempre per il controllo delle risorse naturali. Di chi sono le risorse naturali? I popoli sotto l’amministrazione dello Stato, o quelli privati sotto il saccheggio delle multinazionali”.

“Il tempo di piangere è finito, ora dobbiamo organizzarci”: le chiavi del primo discorso di Evo Morales al suo ritorno in Bolivia

“Il tempo di piangere è finito, ora dobbiamo organizzarci”: le chiavi del primo discorso di Evo Morales al suo ritorno in Bolivia

Ha detto che “due o tre paesi definiranno il prezzo del litio per il mondo in futuro”, ed è per questo che ha insistito sul fatto che “tutti i latinoamericani che lavorano lì”, senza vendere le loro risorse. “Dopo tanti incontri, mi sono reso conto che l’Occidente, cioè i Paesi industrializzati, vogliono solo che noi latinoamericani garantiamo loro la materia prima”, ha lamentato.

A livello locale, l’ex presidente ha detto che la sua amministrazione stava cercando di sviluppare l’area dal settore pubblico, cosa che credeva sarebbe andata contro gli interessi degli Stati Uniti. Infatti, aveva avuto colloqui con rappresentanti della Corea del Sud e del Giappone per offrire loro batterie al litio assemblate in Bolivia.

Nel frattempo, Morales continua il suo tour in Bolivia fino a raggiungere la sua città natale, Orinoca, dove sono attesi eventi importanti. Nel mezzo, il leader Aymara farà delle soste con eventi e omaggi, dopo aver attraversato il confine via terra dall’Argentina. Il governo di fatto di Jeanine Áñez, che si è insediata nell’Esecutivo dopo il colpo di Stato, non ha invitato il politico sudamericano alla cerimonia di inaugurazione di Luis Arce, divenuto presidente domenica scorsa.

Fonte: RT

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: