Denunciare l'”omicidio di massa” di nove giovani in una stazione di polizia colombiana

L’evento si svolge tra critiche e accuse di abusi contro la polizia colombiana per le sue azioni di contenimento delle manifestazioni sindacali e studentesche.

Foto: Luisa Gonzalez / Reuters

Nove giovani detenuti in una stazione di polizia del comune colombiano di Soacha, a sud di Bogotà, sono morti in un incendio scoppiato in una cella, ha denunciato martedì il consigliere comunale Diego Cancino, che ha definito gli eventi “crimine di polizia”.

L’incidente è avvenuto il 4 settembre alla stazione di San Mateo, e questo “massacro” non è stato pubblicato “in modo sufficientemente conclusivo e le indagini non sono state condotte”, ha detto Cancino sul suo account Twitter insieme a un video dell’accaduto. Secondo lui, c’erano circa 20 giovani che venivano torturati e ai loro parenti non era permesso di far loro visita.

Secondo il consigliere comunale di Alianza Verde, che cita testimoni e parenti delle vittime, uno dei detenuti ha dato fuoco a una coperta e la fiamma si è rapidamente intensificata con un manufatto gettato in cella da un ufficiale. “I poliziotti sono usciti e hanno lasciato i bambini rinchiusi, non hanno fatto entrare nessuno, gli estintori non li hanno fatti usare, i bambini sono bruciati”, ha detto.

Il Procuratore generale colombiano chiede al Ministro della Difesa di intervenire affinché la polizia possa fornire informazioni sulle proteste che hanno causato la morte di 13 persone.

Il Procuratore generale della Colombia chiede al Ministro della Difesa di intervenire affinché la polizia possa fornire informazioni sulle proteste che hanno causato la morte di 13 persone

“Un fuoco umano”

“Questo è completamente e totalmente lurido, intollerabile. La polizia è complice e forse agente di un omicidio di massa, di un falò umano”, ha condannato Cancino in una seconda pubblicazione, chiedendo giustizia all’ufficio del procuratore generale e alla procura, oltre alla riforma della polizia.

Reuters riferisce che la polizia ha ammesso l’incendio e la morte di otto persone in custodia, ma ha detto che le truppe che erano sul posto hanno proceduto a spegnere le fiamme, fornire il primo soccorso e trasferire i feriti negli ospedali.

La polizia colombiana si trova ad affrontare dure critiche e accuse di abusi per le sue azioni di contenimento delle manifestazioni sindacali e studentesche, che si sono intensificate a partire dal novembre dello scorso anno in seguito alla morte di un adolescente ferito da una bombola di gas lacrimogeni sparata da un ufficiale antisommossa.

Fonte: RT

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: