Arauz denuncia i tentativi di manipolare le elezioni in Ecuador

Se i piani denunciati dall’UNES si concretizzassero, circa 410.000 ecuadoriani all’estero potrebbero vedere il loro diritto di voto influenzato.

Gli allarmi sono legati a manovre per rinviare le elezioni e rendere difficile il voto all’estero.

Il candidato alla presidenza dell’Ecuador per il movimento del Centro Democratico, Andrés Arauz, ha denunciato che il voto degli ecuadoriani all’estero nelle elezioni del 7 febbraio potrebbe essere influenzato e ha chiesto che le elezioni dei parlamentari andini non vengano posticipate.

La corte ecuadoriana condanna l’ex vicepresidente Jorge Glas

“Chiediamo agli osservatori internazionali e all’intera comunità internazionale di vigilare affinché i diritti di partecipazione politica dei nostri migranti all’estero non siano esclusi. Inoltre, solleviamo preoccupazioni sull’eventualità che il Parlamento andino non possa essere eletto il 7 febbraio. , correndo così il rischio di annullare le elezioni “, ha detto Arauz.

In una conferenza stampa dalla capitale dell’Ecuador, il candidato ha denunciato che il governo di Lenín Moreno cerca di impedire il voto all’estero.

In questo modo, Arauz ha fatto riferimento a un presunto ritardo nell’assegnazione delle risorse, da parte del Consiglio nazionale elettorale (CNE), in modo che i consolati dell’Ecuador possano organizzare le elezioni.

Arauz si è anche detto preoccupato per il possibile rinvio delle elezioni per il parlamento andino all’11 aprile, data stabilita nel calendario elettorale per un eventuale ballottaggio presidenziale.

Ha sostenuto che ciò potrebbe accadere perché il CNE ha prorogato cinque giorni fa il termine per il gruppo politico Justicia Social per registrare i suoi candidati per il parlamento andino.

“C’è una data, il 7 febbraio, che deve essere rispettata, sarebbe assurdo per un movimento politico che cerca di ritardare, sospendere o annullare il processo elettorale, stabilire un calendario differenziato”, ha detto Arauz.

Altre personalità, come il presidente del Centro Democratico, Enrique Menoscal, ei candidati al Parlamento Gustavo Mateus, Mauricio Zambrano e Mónica Palacios, si sono uniti alle denunce.

Il 7 febbraio, oltre alle elezioni presidenziali, gli ecuadoriani dovranno scegliere 137 rappresentanti all’Assemblea nazionale e cinque membri del Parlamento andino (organo deliberativo della Comunità andina delle Nazioni).

Sul numero totale dei membri dell’assemblea, sei rappresentano i migranti all’estero: due dalla circoscrizione di Europa, Asia e Oceania; due per l’America Latina, i Caraibi e l’Africa; e due per gli Stati Uniti e il Canada.

Il presidente del CNE, Diana Atamaint, ha annunciato lunedì in una conferenza stampa che il corpo elettorale ha tutto pronto per ordinare che l’Istituto Geografico Militare (IGM) inizi il 29 gennaio la stampa delle schede per i parlamentari andini, così come che no modificherà la data per quelle elezioni.

D’altra parte, Arauz ha chiesto alla comunità internazionale e alle missioni di osservazione elettorale che sono già in Ecuador di fermare quella che ha definito censura contro le sue proposte politiche, in riferimento alla decisione dei giorni scorsi delle autorità elettorali di sospendere la diffusione di quattro spot con l’ex presidente Rafael Correa (2007-2017).

Secondo l’organo elettorale, l’ex presidente è costituzionalmente squalificato dalla campagna elettorale dopo essere stato condannato a otto anni di carcere e aver perso i suoi diritti politici in un caso di corruzione.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: