Julian Assange, simbolo di libertà per tutti

Un giudice della Westminster Magistrates’ Court ha inviato, per essere firmato dal ministro dell’Interno britannico, l’ordine di estradizione contro Julian Assange. Hanno circa due mesi per decidere e la sua difesa, guidata da Baltazar Garzon, per fare appello. Assange rischia fino a 175 anni nelle prigioni statunitensi per il crimine di aver denunciato crimini di guerra, assassinii, prigioni clandestine, torture e infedeltà di ambasciatori statunitensi contro i suoi più stretti alleati o paesi “amici”.

Wikileaks, l’agenzia di notizie di Assange, ha raccolto queste informazioni da collaboratori, alcuni anonimi, altri pubblici, e le ha vendute a prestigiosi giornali di tutto il mondo come The Guardian, The New York Times, The Washington Post, la rivista Der Spiegel e molti altri.

Assange è imprigionato e torturato a Londra, dove non ha commesso alcun crimine grave. È in una sorta di detenzione preventiva per essere estradato ed è stato in una prigione di alta sicurezza per tre anni. Abbiamo già visto cosa significa la magistratura al servizio dei potenti, i casi Lula, Correa, Glass, Cristina.

Assange è stato consegnato alle autorità britanniche da Lenin Moreno, le cui azioni sono già condannate su tutti i fronti in cui è intervenuto. In questo caso specifico ha ordinato l’intervento in territorio ecuadoriano, aprendo la porta dell’ambasciata e violando il diritto sovrano di asilo, concesso dal governo del Presidente Rafael Correa.

“Quando la porta dell’ambasciata di Londra è stata aperta e la polizia è entrata per ricevere Julian Assange, per mano dei funzionari ecuadoriani, è iniziato uno degli episodi più tristi e tragici del diritto d’asilo e i più terribili eventi contro il diritto internazionale e la libertà di stampa…”. (Luis Varese, Alai, 2020)

Boris Johnson e il ministro degli Interni, Priti Patel, hanno nelle loro mani l’estradizione e la condanna di Assange, ma non solo, hanno nelle loro mani il futuro della generazione della giurisprudenza sulla libertà di stampa, la spina dorsale della democrazia, di cui sono così orgogliosi.

L’Unione Europea ha già dimostrato di non rispettare questo diritto universale impedendo la lettura, sul suo territorio, di Russia Today e Sputnik, così come di altri canali o media legati all’informazione dal punto di vista del governo russo. Infatti è stato grazie a RT che abbiamo potuto vedere la resa di Assange alla polizia britannica.

Continuare a pensare che non ci riguarda, che è qualcosa di lontano, o che Assange va in prigione per essere un hacker, è metterci nelle catene dell’oscurantismo fascista che il Grande Capitale vuole imporci. Siamo molto lontani dal capire cosa sta succedendo e il livello di controllo che i potenti del mondo vogliono avere sulle nostre menti. I mille multimiliardari.

La battaglia per la libertà di Assange è la battaglia per la nostra stessa libertà di pensare, di esprimere le nostre opinioni, di criticare, di diffondere, di dissentire. È una bandiera collettiva di donne e uomini, giovani e vecchi, che credono nei diritti del popolo.

In questi giorni, Assange sta affrontando la libertà o la morte. Non è uno slogan. È un fatto. Stiamo confrontando, in questi giorni, la Libertà e la Vita contro l’oscurantismo e la morte. Tutto è intimamente e violentemente legato. Dalla disinformazione contro Cuba, Nicaragua e Venezuela, che vengono presentati come nostri nemici, al farci credere che dare armi al governo ucraino è combattere per la Pace. Quelli che erano e sono presentati come i campioni della democrazia, l’Europa e gli Stati Uniti, oggi i loro governanti, vogliono andare verso il fascismo e persino il nazismo. Non c’è da temere, ma non c’è da esitare a organizzarsi in difesa delle libertà conquistate in decenni di lotta.

Le nostre vite sono in pericolo, non solo per la guerra e lo scontro sul nuovo ordine mondiale e il riordino geopolitico, “la risposta contro-egemonica”, lanciata dalla Russia, che causa tante tragedie, ma anche per la distruzione della vita sul pianeta e la riduzione sistematica delle libertà che abbiamo conquistato.

Nella nostra America, stiamo facendo progressi nella riconquista delle democrazie popolari, non permettiamo alla destra cavernosa di riprendere le redini che portano alla fame e all’annientamento dei nostri Popoli.

di Luis Varese

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: