Dichiarazione del XVIII Vertice ALBA-TCP nel XVI anniversario della sua fondazione

1) Noi, i Capi di Stato e di Governo e i Capi delle Delegazioni dei Paesi membri e ospiti dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America – Trattato sul Commercio dei Popoli (ALBA-TCP), riunitisi virtualmente il 14 dicembre 2020, per commemorare il 16° Anniversario dell’Alleanza, con la firma di questa Dichiarazione, rinnoviamo il nostro impegno a rafforzare questo meccanismo di coordinamento politico fondato dal Comandante in Capo Hugo Chávez Frías e dal Comandante in Capo Fidel Castro Ruz.

2) Rivendichiamo gli ideali di Bolívar, Martí, San Martín, Sucre, O’Higgins, Petión, Morazán, Sandino, Maurice Bishop, Garvey, Túpac Katari, Bartolina Sisa, Chatoyer e altri eroi dell’indipendenza latinoamericana e caraibica, come memoria storica e culturale che ci lega in uno strumento di unità e sviluppo dei nostri popoli e dei nostri governi, basato sul dialogo, la cooperazione, la solidarietà, la complementarietà, la giustizia e la rivendicazione della sovranità e dell’indipendenza.

3) Ratifichiamo il nostro impegno per un’autentica integrazione latinoamericana e caraibica, che ci permetterà di affrontare insieme il desiderio di dominio imperialista e le crescenti minacce alla pace e alla stabilità regionale, al multilateralismo e ai principi del diritto internazionale, compreso il rispetto dell’autodeterminazione dei popoli, della sovranità, dell’integrità territoriale e della non ingerenza negli affari interni degli Stati; così come il divieto dell’uso e della minaccia dell’uso della forza e la risoluzione pacifica delle controversie, come approvato nella Proclamazione dell’America Latina e dei Caraibi come Zona di Pace.

4) Sottolineiamo la necessità di rafforzare la Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC) come un vero e proprio meccanismo di coordinamento politico regionale basato sul principio dell’unità nella diversità. Riconosciamo il lavoro della Presidenza Pro Tempore del Messico per rivitalizzare la nostra Comunità con l’impegno di continuare a sostenere la sua gestione.

5) Ci congratuliamo con il popolo boliviano per la clamorosa vittoria del MAS-IPSP, celebriamo la reincorporazione della Bolivia in ALBA-TCP e ratifichiamo il nostro fermo sostegno al Presidente eletto Luis Arce Catacora e al Vice Presidente eletto David Choquehuanca.

6) Celebriamo la coscienza del popolo boliviano che ha recuperato la democrazia attraverso elezioni libere e democratiche, dopo una brusca interruzione dell’ordine democratico da parte del presidente costituzionale in carica, Evo Morales Ayma, causata da interessi stranieri in alleanza con settori radicali, e l’instaurazione di un governo di fatto in cui i diritti umani e la libertà di espressione sono stati violati e la crisi economica è peggiorata.

7) Accogliamo con favore i risultati delle elezioni del primo ministro a Saint Kitts e Nevis e a Saint Vincent e Grenadine.

8) Ci congratuliamo con il popolo e le istituzioni della Repubblica Bolivariana del Venezuela per la giornata democratica che si è tenuta in occasione delle “elezioni parlamentari del Venezuela 2020”, il 6 dicembre. Sosteniamo anche la Rivoluzione Bolivariana, l’unione civile-militare e il presidente costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, nella lotta per la pace e la stabilità del popolo venezuelano.

9) Riconosciamo che questi risultati rivitalizzano la nostra Alleanza e dimostrano che solo con l’unità del popolo è possibile affrontare le interferenze e invertire i colpi di stato promossi e finanziati dall’impero nella regione, in collusione con le oligarchie locali.

10) Ribadiamo il nostro forte rifiuto dell’imposizione di misure coercitive unilaterali contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela, che violano il diritto internazionale e le disposizioni della Carta delle Nazioni Unite e rappresentano una punizione collettiva del popolo venezuelano, causando indicibili sofferenze indiscriminate a tutta la popolazione.

11) Condanniamo le pretese egemoniche degli Stati Uniti d’America nel loro desiderio di rilanciare la Dottrina Monroe, così come i tentativi di rilanciare il Trattato Interamericano di Assistenza Reciprocitaria (TIAR) per attaccare la Repubblica Bolivariana del Venezuela, che potrebbe avere un terribile impatto sulla pace e la sicurezza nella regione.

12) Ratifichiamo il sostegno incondizionato al governo sandinista, al presidente Daniel Ortega Saavedra e al popolo del Nicaragua nella sua decisione di continuare a difendere la sovranità, la pace e i notevoli progressi raggiunti in campo sociale, economico, di sicurezza e di unità nazionale. Esprimiamo la nostra solidarietà per gli effetti di due intensi uragani in meno di 10 giorni, che hanno causato la perdita di vite umane e notevoli danni materiali.

13) Condanniamo gli attacchi e i ripetuti tentativi destabilizzanti contro il legittimo governo della Repubblica sorella del Nicaragua da parte degli Stati Uniti d’America, promuovendo misure coercitive unilaterali, tra molte altre azioni destabilizzanti per cercare di interferire nei suoi affari interni. Questi atti non solo rappresentano una chiara violazione del diritto internazionale, ma anche un disprezzo per il popolo e per il governo indipendente di Sandino.

14) Ribadiamo il nostro pieno sostegno ai paesi caraibici nella loro richiesta di risarcimento per il genocidio della popolazione indigena e gli orrori della schiavitù e del commercio transatlantico.

15) Ratifichiamo il diritto dei paesi caraibici a ricevere un trattamento equo, speciale e differenziato. I Caraibi troveranno sempre in ALBA-TCP una piattaforma di cooperazione e complementarietà per la difesa e la promozione delle proprie giuste rivendicazioni e risarcimenti.

16) Respingiamo con forza le misure adottate contro i nostri fratelli paesi caraibici, considerandole giurisdizioni non cooperative. Chiediamo una revisione dei criteri di graduazione che li qualificano come “Paesi a medio reddito”, il che ostacola il loro accesso al credito e alla cooperazione internazionale.

17) Esprimiamo il nostro dolore per le vittime che la pandemia COVID-19 ha causato nel mondo, mentre esprimiamo la nostra preoccupazione per il devastante impatto socio-economico e la crisi multidimensionale generata, che richiedono una risposta coordinata, solidale e congiunta per assicurare una ripresa inclusiva e resistente delle nostre economie, che ci permetterà di rafforzare lo sviluppo sostenibile, così come l’eliminazione della povertà.

18) Ribadiamo il ruolo centrale dello Stato nell’attuazione delle strategie nazionali che rafforzano i sistemi sanitari e di protezione sociale.

19) Riconosciamo l’enorme sforzo dei professionisti della salute, degli scienziati e degli operatori umanitari per combattere la pandemia COVID-19 in diverse parti del mondo, per garantire il diritto alla salute e alla vita dei nostri popoli, compreso il loro. Evidenziamo anche la leadership dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel processo di sensibilizzazione, prevenzione e lotta alla pandemia.

20) Riconosciamo, in particolare, il contributo della Repubblica di Cuba alla risposta alla pandemia, nonostante le complesse circostanze imposte dall’inasprimento del blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti e la campagna del governo di quel paese per screditare e sabotare la cooperazione medica internazionale che Cuba offre in decine di paesi e di cui hanno beneficiato milioni di persone.

21) Ci congratuliamo e riconosciamo il lavoro umanistico e altruistico del Contingente medico cubano Henry Reeve e il suo contributo alla lotta contro il coronavirus nei paesi dell’ALBA-TCP e in altre nazioni del mondo. Accogliamo con favore le numerose iniziative per registrare formalmente la candidatura di questo Contingente al Premio Nobel per la Pace 2021.

22) Ringraziamo il compagno David Choquehuanca Céspedes per il suo lavoro come Segretario Esecutivo di ALBA-TCP e gli ribadiamo i nostri migliori auguri di successo nel suo nuovo incarico di Vice Presidente dello Stato Plurinazionale della Bolivia.

23) Accogliamo con favore la nomina del compagno Sacha Sergio Llorentty Soliz a nuovo Segretario Esecutivo di ALBA-TCP e gli auguriamo ogni successo nel suo mandato.

24) Evidenziamo lo sviluppo della zona economica complementare ALBA-Petrocaribe, come un vero e proprio modello di sviluppo produttivo e tecnologico, basato sui valori dell’Alleanza e sui principi del People’s Trade Agreement.

25) Ratifichiamo il nostro impegno a costruire un modello alternativo di sovranità economica, espresso in una Nuova Architettura Finanziaria, per consolidare un sistema di scambio e cooperazione reciproca, solidale, partecipativa e complementare, che rafforzi la nostra libertà economica e commerciale.

26) Evidenziamo l’imperativo di cancellare il debito estero che soffoca i paesi sottosviluppati o di adottare misure per il suo alleggerimento, sospensione o ristrutturazione, soprattutto in condizioni di dipendenza dalla COVID-19.

27) Ci impegniamo a raddoppiare i nostri sforzi per sviluppare un sistema di scambio commerciale basato sulle valute locali, così come sulle opportunità offerte dalle nuove tecnologie, esplorando formule per l’uso dei crittoattivi, al fine di promuovere l’indipendenza economica e finanziaria dei nostri popoli, avendo come importanti precedenti il sistema di compensazione monetaria SUCRE, così come il crittomono “Petro” nella Repubblica Bolivariana del Venezuela.

28) Ci congratuliamo con il Banco del Alba per il successo ottenuto nell’ultimo anno e, in particolare, per le iniziative intraprese per mitigare gli effetti della pandemia di Covid-19, come la moratoria su tutto il suo portafoglio di finanziamenti e il sostegno dei programmi Alba Health e Alba Food, nonché l’istituzione del Fondo Umanitario Alba, proposto dai leader dell’Alleanza Bolivariana.

29) Ribadiamo la nostra volontà di continuare a lavorare e a cooperare nella lotta contro il cambiamento climatico, un fenomeno esacerbato dal sistema capitalista e dai suoi modelli di consumo irrazionale, che attaccano la nostra Madre Terra e aumentano la frequenza e l’intensità dei fenomeni naturali che causano deplorevoli perdite umane e materiali.

30) Salvaguardiamo la partecipazione e la piena presenza dei movimenti sociali, della solidarietà e dei settori popolari nel nostro processo di integrazione, al fine di progredire nella costruzione di società inclusive, culturalmente diverse e ambientalmente responsabili, che escludano lo sfruttamento degli esseri umani.

31) Esprimiamo il nostro impegno a collaborare con i popoli indigeni nell’attuazione di misure per la conservazione, la trasmissione e lo sviluppo delle lingue indigene al fine di salvaguardare il diritto di rivitalizzare, utilizzare, promuovere e trasmettere alle generazioni future le loro storie, lingue, tradizioni orali, filosofie, sistemi di scrittura e letterature.

32) Ribadiamo il nostro sostegno alla giusta e storica rivendicazione dello Stato Plurinazionale della Bolivia riguardo al suo diritto ad uno sbocco sovrano sul mare.

33) Ribadiamo la forte condanna da parte dell’ALBA-TCP del terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni, compresi i casi in cui gli Stati sono direttamente o indirettamente coinvolti, che è ingiustificabile qualunque siano le motivazioni, le considerazioni o i fattori invocati.

34) Denunciamo l’uso di strategie di guerra non convenzionali per attaccare e disabilitare i governi e i leader progressisti della regione attraverso processi giudiziari politicamente motivati (lawfare), la manipolazione a fini destabilizzanti dei diritti umani, la campagna di propaganda e disinformazione, l’uso malevolo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, gli attacchi informatici e altri.

35) Abbiamo approvato il Piano di lavoro post-pandemico ALBA-TCP 2021 e abbiamo chiesto la riattivazione dei suoi diversi Consigli dall’inizio del 2021 per avanzare in un’agenda concreta di azioni e di rilancio. Affidiamo alla Segreteria Esecutiva di ALBA-TCP il seguito, la consultazione e il rispetto delle norme a beneficio del rafforzamento dell’Alleanza.

36) Affermiamo la nostra determinazione a continuare ad avanzare e ad approfondire il suo rafforzamento come alternativa politico-strategica all’integrazione latino-caraibica, contro-egemonica, democratica, inclusiva e partecipativa.

37) Ricordiamo che i Paesi dell’ALBA-TCP, fin dalla sua fondazione, sono stati in una sessione di consultazione permanente, per difendere l’indipendenza, la sovranità e la libera autodeterminazione dei loro popoli.

Fonte

Traduzione: patriagrande.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: